BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SHUTDOWN/ Che c'entra la Statua della Libertà con l'ideologia di Obama?

Pubblicazione:giovedì 3 ottobre 2013 - Ultimo aggiornamento:giovedì 3 ottobre 2013, 11.18

La statua della libertà a New York (Infophoto) La statua della libertà a New York (Infophoto)

E' la solita vecchia storia: una pezza nuova (l' ObamaCare) su un vestito vecchio (il "sistema America" nel suo insieme). E tutti hanno chiaro il presentimento che se c'e' qualcuno che non si troverà a masticare amaro in questo possibile futuro scenario saranno le Insurance companies, quel potentissimo tritacarne di lobby rappresentato dalle compagnie assicurative. Questo non fa felice nessuno - eccetto le suddette compagnie assicurative e chi rappresenta i loro interessi. Come finira`? Nel ’95 fu Clinton a cedere, ma questa volta il Presidente non puo` arrendersi. Lo ha ribadito Martedì sera nel messaggio al paese mandato in onda da tutti i canali televisivi. Checche’ ne dicano gli “obamiani sfegatati”, i risultati di questa Amministrazione sono miserrimi, sia sul fronte internazionale che su quello interno (che e’ quello che interessa veramente gli Americani, per come son fatti). L’Obamacare e’ un tentativo di rispondere ad un drammatico bisogno, nonche’ la riforma con la quale Obama potra’ passare alla storia. Complicato, costoso, forse piu`apparente che reale, tuttavia il primo ed unico tentativo mai portato avanti negli USA su questo fronte. Meglio avrebbero fatto i Repubblicani a lavorarci su per spurgarlo dei suoi aspetti ideologici e populisti, piuttosto che opporvicisi testardamente rischiando di mettere il paese in ginocchio. I Repubblicani si arrenderanno, e l’ObamaCare passera` senza quelle migliorie di cui avrebbe potuto beneficiare. In compenso potremo riandare a visitare la Statua della Liberta’, e permetteremo a quei giovani di tornare a giocare a football…



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.