BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

TIFONE HAIYAN/ Filippine, il miracolo tra le macerie: nasce la piccola Bea Joy

Un piccolo miracolo, in una tragedia che assume contorni sempre più drammatici. Una ventunenne filippina, Emily Sagalis, sopravvissuta alla furia del tifone Haiyan, ha dato alla luce Bea Joy

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Un piccolo miracolo, in una tragedia che sta assumendo contorni sempre più drammatici. Una ventunenne filippina, Emily Sagalis, sopravvissuta alla furia del tifone Haiyan che ha devastato il Paese causando probabilmente la morte di oltre diecimila persone, ha dato alla luce la sua bambina in una sala dell'aeroporto di Tacloban, capoluogo della provincia di Leyte, una delle città più colpite dalla forza di Haiyan. Il parto è avvenuto praticamente in mezzo alle macerie, in una stanza adibita a parto d'emergenza. "E' il mio miracolo. Ho pensato che sarei morta", ha raccontato la madre dopo aver partorito. La piccola è stata chiamata Bea Joy, in onore della nonna Beatriz che ha perso la vita nel passaggio del tifone. Continua intanto a salire il bilancio ufficiale delle vittime, attualmente fermo a 1200, anche se si teme che il numero possa arrivare a oltre diecimila. Come riportato dal National Disaster Risk Reduction and Management Council (Ndrrmc), le famiglie colpite sono oltre 944mila, pari a quasi quattro milioni e mezzo di persone. Più del 40% di queste, fa sapere l’Unicef, sono bambini e ragazzi sotto i 18 anni di età. Il tifone Haiyan si sta adesso spostando verso il Vietnam, ma la sua forza è ormai quasi totalmente esaurita, passando dalla catastrofica categoria 5 della scala Saffir-Simpson a categoria 1.

© Riproduzione Riservata.