BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

NORVEGIA/ Giornalista tv con la croce al collo: offende gli islamici, allontanata dagli schermi

Una giornalista norvegese che era apparsa sugli schermi televisivi con una croce al collo rischia di perdere il posto: gli islamici hanno denunciato la cosa come offesa all'islam

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Ha indossato una catenina con la croce al collo come fanno milioni di persone, ma la sua colpa è stata quella di essere una giornalista televisiva - anche una delle più amate in Norvegia. A Siv Kristin Sællmann  è stato vietato di indossarla ancora durante le sue apparizioni televisive oppure non potrà più farne. La decisione è stata presa dopo alcune lamentele da parte di spettatori islamici che hanno trovato la croce al collo offensiva nei loro confronti e inoltre un simbolo di mancata parzialità del canale televisivo. Non è la prima volta che accadono censure anti cristiane di questo tipo. Tempo fa in Inghilterra una hostess della British Airways era stata  discriminata perché indossava durante il lavoro una catenina con una croce. Ha combattuto una lunga battaglia legale fino a quando sette anni dopo la Corte europea dei diritti umani ha finalmente riconosciuto la sua posizione.

© Riproduzione Riservata.