BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Scoperto feto di 40 anni nel ventre di una 80enne

Pubblicazione:giovedì 12 dicembre 2013

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Ha dell’incredibile quanto avvenuto a una donna colombiana di 82 anni, residente a Bogotà. Dopo aver accusato forti dolori addominali ed essersi recata in ospedale per effettuare alcuni esami, le è stato comunicato che per circa quarant’anni ha vissuto con un feto nel ventre. Senza parole è rimasto anche il medico che l’ha visitata e che le ha fatto l’ecografia, Alberto Gutierrez, il quale ha scoperto il feto ormai calcificato nel ventre della donna, frutto di una gravidanza di cui non era mai venuta a conoscenza. La signora è stata quindi sottoposta ad intervento chirurgico ed ora sta bene. Il fenomeno a cui si è assistito è chiamato lithopedion (letteralmente “bambino di pietra”), una rara circostanza in cui il feto muore a seguito di una gravidanza extrauterina addominale. Quando muore, il feto viene solitamente riassorbito dalle strutture circostanti, ma può anche accadere che questo non avvenga del tutto. Nel feto si depositano quindi sali di calcio e si solidifica, senza comunque comportare complicanze. Come in questo caso, infatti, non è raro che un lithopedion venga diagnosticato solo qualche decennio dopo, magari quando la paziente si fa visitare per altre patologie.



© Riproduzione Riservata.