BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GEO-FINANZA/ Il capolavoro della Merkel per "fregare" l'Europa

Pubblicazione:

Angela Merkel (Infophoto)  Angela Merkel (Infophoto)

Il vero “capolavoro” della Merkel è stato quello di convincere gli altri Stati Ue che non esistono alternative alla linea da lei dettata a Bruxelles. Attraverso la politica della Bce, Draghi sta riuscendo ad alleggerire alcuni aspetti della politica monetaria voluta dalla Germania, ma non a indicare una strada realmente diversa. Il fatto di constatare che la Germania ha vinto non significa voler fomentare i sentimenti anti-tedeschi, ma anzi al contrario constatare che non ci dobbiamo fare illusioni sul futuro che ci attende in Europa. Anche perché due anni fa c’era una tensione molto forte che oggi si è attenuata ma che continua a esistere. La conseguenza è stata quella di portare all’estremo i progetti populisti negli Stati euro-deboli. Nel momento in cui Hollande è stato eletto alla presidenza della Francia, gli osservatori si erano illusi che il socialismo democratico europeo sarebbe stato in grado di proporre una linea diversa, ma nella realtà ciò non è avvenuto. Da questo punto di vista quindi non c’è nessuno scontro, in quanto da una parte ci sono le politiche della Merkel, le cui idee sono fin troppo chiare, e dall’altra c’è soltanto il vuoto pneumatico.

Un altro punto importante nel discorso di Angela Merkel al Bundestag è quando il Cancelliere tedesco ha ribadito che “è necessario un meccanismo unitario di liquidazione delle banche”, perché “mai più dovrà essere il contribuente a pagare se una banca fallisce”. Anche da questo punto di vista, niente di nuovo sotto il sole. I partiti italiani dimostrano a loro volta di essere privi di una strategia autonoma, che non sia di un’aggressività monocorde nei confronti della Merkel e della Germania. È questa la vera vittoria del Cancelliere tedesco, che è riuscito a polarizzare tutti i suoi avversari. La vera frase centrale nel discorso del capo del governo di Berlino è stata quando ha affermato che “se cade l’euro cade l’Europa”. È proprio il fatto di avere fatto passare questa idea ad avere rappresentato la vera vittoria della Merkel.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
30/12/2013 - Tagliamo il nodo gordiano subito (Carlo Cerofolini)

Visto che l’Italia è legata all’Ue, a trazione tedesca, con un nodo gordiano che ci sta strangolando, l’unica soluzione che c’è per non finire soffocati è quella i tagliarlo, ovvero: uscire dall’euro subito!