BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GEO-FINANZA/ Il capolavoro della Merkel per "fregare" l'Europa

Pubblicazione:

Angela Merkel (Infophoto)  Angela Merkel (Infophoto)

Un discorso molto abile il cui messaggio non lascia alcun margine per la trattativa: per l’Europa non cambierà nulla neanche nei prossimi cinque anni. Nel suo primo discorso al Bundestag dopo la rielezione come Cancelliere, Angela Merkel ha affermato che l’integrazione europea rimane “uno dei compiti più importanti del governo di grande coalizione”. La Merkel ha inoltre invitato gli Stati membri a modificare i Trattati Ue per rafforzare l’euro e introdurre un meccanismo che renda le riforme vincolanti. Un discorso accattivante, anche se bisogna chiedersi che cosa abbia davvero in mente il Cancelliere tedesco. Ciò cui pensa da tempo la Merkel è essenzialmente una sorta di federalismo dei governi in cui la Germania abbia la capacità di influire sugli altri Stati.

Il Cancelliere non accetterà mai qualunque riforma che vada nella direzione del rafforzamento del Parlamento Ue. La parola “riforme” è associata spesso ad accezioni positive, mentre nella realtà la Germania è immobile. In questo momento la Merkel gode di un consenso sociale enorme, il cui presupposto è appunto che non cambi nulla. Nessuno ricorda, per esempio, che la riforma del lavoro tedesca, oggi tanto osannata, fu approvata ormai dieci anni fa da Gerard Schroeder tra gli insulti generali. Quando la Merkel parla di “modificare i trattati Ue” progetta ovviamente di farlo nella direzione che risulterebbe più conveniente per la Germania. Negli ultimi due anni Berlino è risultato il vero vincitore, e una modifica dei trattati non farebbe altro che rafforzare le conseguenze di questo dato di fatto. Il vero problema è che la Spd non ha in mente una politica realmente alternativa a quella della Merkel. Il nuovo governo tedesco si basa infatti su uno scambio da contorni ben chiari: la Spd ha ottenuto tutto ciò che voleva sul piano della politica sociale, ma si è impegnata a non mettere becco nella politica europea.

Proponendo di cambiare i trattati, di fatto la Merkel intende dire che vuole rafforzare sul piano istituzionale questa linea oggettivamente vincente. Ciò che deve fare il nostro governo non è quindi “battere i pugni sui tavoli” negli organismi Ue o fare la voce grossa, come vorrebbe qualcuno, ma prendere atto del fatto che non esiste una strategia alternativa a quella della Germania, e che né Hollande né Draghi sono in grado di elaborarne una.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
30/12/2013 - Tagliamo il nodo gordiano subito (Carlo Cerofolini)

Visto che l’Italia è legata all’Ue, a trazione tedesca, con un nodo gordiano che ci sta strangolando, l’unica soluzione che c’è per non finire soffocati è quella i tagliarlo, ovvero: uscire dall’euro subito!