BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RUSSIA/ Meteorite precipita sugli Urali e ferisce 400 persone. Video

Il fenomeno ha provocato il ferimento di 400 persone, di cui 3 sono gravi. E’ stata interessata dagli effetti della caduta anche una scuola, dove sono rimasti feriti 10 bambini

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Un meteorite è precipitato a Cheliabynsk, sui monti Urali, in Russia. E, eccezionalmente, ha colpito delle persone. A differenza di quanto si pensi, che degli oggetti celesti possano cadere sulla terra non è così poco frequente. Tuttavia, che questi colpiscano degli essere umani è un evento decisamente rarissimo. Il fenomeno ha provocato il ferimento di 400 persone, di cui tre sono in condizioni gravi. Sono state colpite dai cristalli, da cui sono stati tagliati. E’ stata interessata dagli effetti della caduta anche una scuola, dove sono rimasti feriti 10 bambini, pare a causa dell’infrangersi dei vetri dell’edificio. Per ora non ci sarebbero morti. I frammenti dell’oggetto proveniente dallo spazio si sono riversati su sei città in tutto producendo forti esplosioni e la rottura di diversi vetri di abitazioni ed edifici. Le autorità di sicurezza stanno attualmente perlustrando la zone per verificare l’ammontare dei danni effettivi. La popolazione e le autorità hanno pensato, inizialmente, all’esplosione di un aereo; si è pensato, altresì, ad un a pioggia di meteoriti.  

E’ stato un portavoce del ministero per le Emergenze a descrivere il fenomeno come una «una pioggia di meteore in forma di palle infuocate». Poi, è risultato essersi trattato di un unico oggetto, frantumatosi nella parte bassa dell’atmosfera. In particolare, l’episodio si è verificato alle 9.22 locali, le 4.22 in Italia, a circa 80 chilometri dalla città di Satka, nel distretto omonimo. Nel suo percorso verso la Terra, ha lasciato una scia luminosa e un lunghissima traccia di fumo bianco visibile a 200 chilometri dall’impatto. Attualmente, a quanto riferiscono gli scienziati locali, il livello delle radiazioni non ha subito mutamenti significativi che, invece, sono rimasti nella norma. La sezione dell'agenzia russa per l'energia atomica Rosatom sui Urali non ha subito danni. Il ministero per le Emergenze ha invitato la popolazione a mantenere la calma e a non lasciarsi prendere dal panico, mentre il presidente  Vladimir Putin e il primo ministro Dmitry Medvedev sono stati rapidamente informati tempestivamente di quanto accaduto.