BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

REFERENDUM FALKLAND/ Le isole restano britanniche. Il 98,85% ha detto sì

Il 98,8% degli elettori delle isole Falkland, infatti, ha deciso di restare sotto la potestà britannica. Hanno votato in 1.517 e solamente in tre hanno risposto no

Infophoto Infophoto

Il risultato era ampiamente atteso anche se probabilmente, non con queste percentuali. Che, mai come ora, si possono definire decisamente bulgare. Il 98,8% degli elettori delle isole Falkland, infatti, ha deciso di restare sotto la potestà britannica. Hanno votato in 1.517 e solamente in tre hanno risposto no al quesito che chiedeva se le isole contese dall’Argentina (che chiama Malvinas) dovessero continuare a restare nell’ambito del dominio della Corona inglese. Saranno pur pochi gli abitanti, è vero. Sta di fatto che l’affluenza alle urne è stata decisamente elevata, pari al 92 per cento degli aventi diritto. Un portavoce del governo delle Isole ha fatto sapere che la comunità è vivace, fiorente e che con il suo pronunciamento referendario ha detto chiaramente al mondo che il proprio destino è nelle proprie mani. «Auspichiamo – ha aggiunto - normali relazioni di buon vicinato con l'Argentina». Le isole, infatti, si trovano ad appena 400 chilometri dalla costa del Paese. «Siamo pienamente e incondizionatamente impegnati a rispettare l'identità e lo stile di vita degli abitanti delle Malvinas come facciamo con i 250mila discendenti dei britannici che vivono in Argentina», ha, dal canto suo, dichiarato il l'ambasciatore argentino in Gran Bretagna, Alicia Castro.

© Riproduzione Riservata.