BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

BEREZOVSKY/ Paolo Guzzanti: il Kgb non c'è più, ma "lavora" ancora...

Boris Berezovsky (InfoPhoto)Boris Berezovsky (InfoPhoto)

Questo è quello che viene riportato, anche se penso che si tratti di una “povertà relativa”, perché doveva ancora avere alcune entrate di tutto rispetto. Quindi anche su questo bisognerebbe probabilmente avere un quadro della situazione più preciso. Resta comunque il fatto che se un personaggio del genere muore in queste circostanze, sinora completamente misteriose, è veramente pazzesco definirlo un suicidio.

Ci sono stati altri casi simili. Quello che ci si chiede è il perché Putin - se c'è come tutti sussurrano lui dietro a queste vicende - regoli “questi conti” in tale modo e a distanza di anni.
E' il suo metodo, il vecchio metodo del Kgb. Anni fa si è fatto approvare dalla “Duma” la possibilità di condannare a morte anche persone che risiedevano all'estero se erano dichiarati “nemici della Russia”. Il personaggio è questo. Le conclusioni di questa vicenda le trarranno con la dovuta discrezione e la loro grande professionalità i servizi segreti inglesi. 

(Gianluigi Da Rold)

© Riproduzione Riservata.