BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

MYANMAR/ Cervellera: così la dittatura ha inasprito l'odio tra islamici e buddisti

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Alcuni birmani, che sono ancora all’estero come esuli e non sono ritornati nel Paese, sospettano che dietro alle violenze ci sia l’esercito, che soffia sulle tensioni per affermarsi come l’unico vero salvatore della popolazione e della stabilità in Birmania. Le tensioni che si sono verificate dapprima a Myitkyina e poi nello Stato di Rakhaing hanno visto birmani che hanno lottato contro musulmani di etnia Rohingya.

 

I cristiani sono colpiti a loro volta dalle violenze?

I cristiani sono una minoranza molto piccola, meno dell’1% della popolazione, e quindi non hanno una grande influenza dal punto di vista sociale. Sono preoccupati più che altro per il loro futuro. In questa situazione del conflitto tra buddisti e musulmani non sono però direttamente implicati, stanno sul chi va là. Invece su altri fronti, per esempio nei confronti del conflitto tra l’esercito e gruppi Shan e Kachin, i cristiani sono più implicati in quanto fanno parte di questi gruppi etnici.

 

E’ la prima volta che nel mondo si verificano scontri tra buddhisti e musulmani?

No, in Birmania in particolare è da decenni che avvengono. L’unità politica della Birmania era stata ottenuta dal papà del leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi, il generale Aung San, che aveva promesso anche una certa autonomia ai vari gruppi etnici. Questi ultimi però non si sono mai messi d’accordo, e dal 1948 in poi ci sono sempre state tensioni. Il regime militare ha in parte cercato di congelarle, ma il problema è che il Myanmar ha bisogno di proiettarsi verso il futuro proprio trovando una struttura politica del Paese che dia nello stesso tempo un po’ di autonomia a questi gruppi etnici e non faccia sbriciolare il Myanmar in tanti piccoli Stati.

 

Ma il buddhismo non dovrebbe essere una religione pacifica?

Queste sono soprattutto questioni etniche e politiche, ma dobbiamo tenere conto del fatto che il buddhismo non è soltanto distacco dalla realtà. Il buddhismo infatti consiglia la non violenza, ma non obbliga alla non violenza. In questi ultimi scontri però non sono coinvolti monaci buddhisti, a differenza di quanto è avvenuto nello Stato di Rakhaing.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.