BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LIBIA/ Cattedrale di Tripoli, tentato omicidio: uomo cerca di uccidere un sacerdote cattolico

Un uomo ha cercato di uccidere un prete cattolico: è successo nella cattedrale di Tripoli. I fondamentalisti islamici all'attacco dei non musulmani che vivono in Libia

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Tentato omicidio nella cattedrale di Tripoli in Libia: un uomo è entrato in chiesa e ha sparato. Il suo obbiettivo sarebbe stato un sacerdote che si trovava in quel momento nell'edifico, padre Magdi. Fortunatamente i colpi sono finiti fuori bersaglio ma secondo la testimonianza del vicario apostolico nel paese africano, monsignor Martinelli, l'intenzione dell'uomo era quella di uccidere il prete. Non se ne conoscono i motivi al momento: sempre secondo il vicario, il gesto sta destando molta preoccupazione. E' la prima volta che in Libia succede un fatto del genere, ha infatti detto. I primi sospetti vanno verso il radicalismo islamico: come in tutti i paesi dove è avvenuta la cosiddetta rivoluzione araba che ha portato in Libia alla caduta del regime di Gheddafi, anche qui si assiste a una escalation del fondamentalismo, in particolare da parte degli aderenti al ramo salafita dell'Islam.  "Nel Paese c'é la corrente salafita che punta a confondere le idee: non ammettono il confronto, sparano, invadono, uccidono. Non è un Islam che cerca il dialogo questo. E' una cosa nuova per la Libia a cui non possiamo rimanere indifferenti" ha detto semper monsignor Martinelli. In Libia in diverse zone si assiste poi a scontri aperti tra milizie appartenenti a vari capi locali: durante il regime di Gheddafi questi rais venivano tenuti sotto controllo ma adesso in diverse aree del paese tale controllo non si riesce più a effettuare. Inoltre aumentano i casi di aggressione contro i non musulmani come accadde nel caso dell'assalto a Bengasi del consolato americano che costò la vita all'ambasciatore americano in Libia. Poi a gennaio c'è stato un tentativo di uccidere anche il console italiano Giulio De Sanctis. Secondo gli esperti, i più attivi in queste azioni militari sarebbero le milizie di Ansar al Sharia. Pochi giorni fa è stata assalita una chiesa coopta  mentre ieri sempre i miliziani di Ansar al Sharia hanno assalito la scuola europea che si trova a Bengasi.