BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

ADOZIONE GAY/ La mamma francese: così Hollande vuole ammazzare la famiglia

InfoPhotoInfoPhoto

Tra le unioni omosessuali e quelle tra un uomo e una donna c’è, anzitutto, una differenza evidente, imposta dalla natura. Nel secondo caso, infatti, il rapporto è connotato dalla fecondità. Nel primo, no. Nessuno mette in discussione che tra due persone dello stesso sesso possa nascere una storia d’amore. Ma negare che tale rapporto non sia fecondo, equiparandolo al rapporto eterosessuale, significa negare la realtà e la stessa natura dell’amore omosessuale.

 

Oltretutto, sarà loro possibile adottare dei figli.

Il che pone svariati problemi: alcuni Paesi, quali la Russia, vieteranno alle coppie francesi, anche quelle eterosessuali, di adottare dei bambini. Non dobbiamo dimenticare, inoltre, che il progetto di legge non consente alle coppie omosessuali di fruire della procreazione medicalmente assistita; poiché però la Corte di giustizia europea pretende l’uguaglianza assoluta, compiuto il passaggio della legittimazione del matrimonio gay quello successivo consisterà nel consentire anche le procreazione in vitro. Infine, con ogni probabilità, ora anche in Italia si rafforzerà il fronte di chi è favorevole alle nozze omosessuali.

 

Che bisogno c’era di varare una legge del genere, in un momento di tale crisi economica?

Hollande, fondamentalmente, è prigioniero dell’Europa. Non può applicare il suo programma. Tutte le leggi economiche più importanti sono state rifiutate. Ha un grosso problema con la sua base elettorale. Il suo potere è meramente illusorio. Per questo, cerca di convincere l’opinione pubblica di essere ancora lui al timone della nave imponendo le uniche leggi che l’Europa non gli boccia, ovvero quella di natura etica. Così facendo, nega un altro aspetto fondamentale della società francese.

 

Quale?