BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ J. Parker: "Ero gay, incontrando Cristo mi sono riscoperto uomo"

Pubblicazione:martedì 2 aprile 2013

InfoPhoto InfoPhoto

Perché ho iniziato a praticare la castità e a sviluppare la mia relazione con Dio in quanto padre e con la Madonna in quanto madre. In questo modo, lentamente la mia autentica personalità maschile ha incominciato a crescere dentro di me. La mia voce e il mio modo di camminare sono cambiati, e ho iniziato a prendere il mio posto autentico di uomo in mezzo agli altri uomini. A quel punto ho iniziato a sentirmi attratto dalle donne, e con il tempo questa attrazione è cresciuta.

 

Lei è scampato all’aborto, ma nei Paesi occidentali la sua legalizzazione è ormai un fatto consolidato. Ritiene che possa essere rimessa in discussione?

Sì, è possibile cambiare le leggi sull’aborto nel mondo occidentale. Una generazione dopo la legalizzazione dell’interruzione di gravidanza, stiamo iniziando a vederne gli effetti negativi. Ciò non soltanto per le implicazioni sul benessere psicologico della madre che abortisce, ma anche per la psicologia dei padri. Inoltre, la legalizzazione dell’aborto ha effetti sull’economia, perché molti Paesi in Europa e nel resto del mondo occidentale registrano delle statistiche demografiche molto preoccupanti. Abbiamo quindi bisogno dei flussi di immigrati.

 

Che cosa c’è all’origine di questi problemi?

Abbiamo cercato di sostituirci a Dio, decidendo chi poteva nascere e chi no. Ciò ha cambiato l’equilibrio e la salute della nostra società. Per questo stiamo scoprendo lentamente che le nostre leggi sull’aborto devono essere cambiate. Anche in Inghilterra i politici stanno discutendo delle possibili modifiche alla legge sull’interruzione di gravidanza.

 

Il suo percorso personale ha avuto influenze anche sulla scelta della sua professione?

Sì, oggi lavoro per la Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles nel mondo dello sport professionale, una realtà attraversata da numerosi problemi. Mi reco inoltre spesso nelle scuole per parlare con i giovani della bellezza del matrimonio tra un uomo e una donna, degli effetti deleteri della pornografia e del valore sacro dei nostri corpi e dello stesso sesso. Lavoro inoltre con molte parrocchie cattoliche inglesi.

 

Per quali motivi è stato premiato da “Cantiamo la vita”?

Mi trovo in Italia per ricevere questo premio perché la comunità italiana pro life ha voluto riaffermare il fatto che la vita di chiunque ha valore, significato e importanza. Sono molto onorato del fatto che l’Italia sia un Paese che valuta la vita come importante, e spero che lo faccia sempre di più in futuro. Ciascuna persona ha un potenziale, una grande dignità e un valore intrinseco. Mi trovo qui per incoraggiare l’Italia a continuare a scegliere la vita e per ricevere un premio che per me rappresenta un grande onore.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
02/04/2013 - perplesso (andrea piccoli)

Mi lasciano sempre perplesso le dichiarazioni di questi uomini che si dichiarono ex gay ,con un passato fatto di divertimenti o di militanza politica, come se si volesse veicolare il messaggio che l'essere gay vuole dire sostanzialmente queste 2 cose ,insieme o disgiunte.Non è cosi',rischiate di prendere un'abbaglio .Aggiungo che ho avuto una relazione breve con 2 uomini sposati entrambi di religione mussulmana che ho lasciato perchè troppe differenze culturali ci dividevano ,essendo loro particolarmente devoti.Ebbene essi affermavano che si sarebbero pazzamente innamorati di me dalla prima volta che mi hanno visto.Questo per sottolineare che ci sono fra loro percorsi difformi dall'articolo c.Frequentandoli mi è sembrato di capire che vivono una sessualità con modalità assai diverse dalla nostra.

 
02/04/2013 - Parker è una speranza per tutti (Claudio Baleani)

1. Il fatto di essere gay non è un ostacolo al cristianesimo. 2. Essere gay non identifica la persona. 3. Non c'è niente che non possa cambiare. 4. Una volta aperta la strada e accettata con umiltà la verità su di sé e suoi propri bisogni viene tutto in sovrappiù. 5. Se Parker non parlasse delle proprie inclinazioni sessuali di che dovrebbe parlare?

 
02/04/2013 - BOH (piero bianchi)

Non capisco il titolo: secondo voi un gay non è un uomo??

 
02/04/2013 - Una persona interessante (Giuseppe Crippa)

James Parker, che non conoscevo, mi sembra una persona interessante e con una esperienza di vita davvero ricca: sarebbe bello poterlo incontrare il prossimo agosto al Meeting… La storia delle sue inclinazioni sessuali appartiene però al suo privato e non mi è sembrato bello vederla enfatizzata nel titolo: avrei preferito scoprirla leggendola nelle sue risposte alle domande che, molto correttamente, non sono mai state “invasive” della sua intimità.