BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MARO'/ Curti Gialdino: difesa sbagliata, rischiano l'accusa di terrorismo

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

InfoPhoto  InfoPhoto

Il 26 aprile 2013, a dieci giorni dall’udienza di discussione (16 aprile) e dopo due rinvii, la prima sezione della Corte Suprema indiana, composta da tre giudici e presieduta dal Chief Justice Altamas Kabir, ha reso l’attesa decisione sulla questione della titolarità delle indagini concernenti l’incidente in cui due pescatori indiani, confusi per pirati, sono stati uccisi dai colpi sparati dai fucilieri di Marina imbarcati come Nucleo di protezione militare sulla petroliera Enrica Lexie, battente bandiera italiana.

Nella breve ordinanza, premesso che l’incidente di cui trattasi ha avuto luogo il 15 febbraio 2012 a 20.5 miglia marine dalla linea di base del mare territoriale, cioè nelle acque internazionali appartenenti alla zona contigua indiana e che all’Unione indiana spetta pertanto perseguire i due marò in base “al sistema di giustizia penale prevalente” in India, i giudici hanno affermato che “non è responsabilità della Corte Suprema decidere quale tipo di agenzia di polizia utilizzare per le indagini”.

Conseguentemente, i giudici hanno lasciato al Governo federale la facoltà di utilizzare per le indagini l'organismo “più appropriato”. Il che vuol dire che la National Investigation Agency (NIA) – ente istituito dal Parlamento indiano nel dicembre 2008 a seguito dell’attacco terroristico avvenuto il 26 novembre precedente a Bombay – può proseguire le indagini iniziate in base alla richiesta formulata il 1 aprile 2013 dal ministro dell’Interno indiano, motivata, come ribadito all’udienza dall’Attorney General Vahanvati, dalla necessità di condurre le indagini rapidamente, il che non rendeva possibile scegliere come ente investigativo la comune polizia criminale, il Central Bureau of Investigations (CBI), notoriamente sovraccarico di indagini. In effetti, fin dal 4 aprile 2013, la NIA ha registrato il caso (RC-04/2013/NIA-DLI).

L’investigazione, come risulta dalla relazione preliminare, avviene ai sensi degli articoli 302, 307 e 427 del Codice penale (omicidio e tentato omicidio) in combinazione con l’art. 34 del medesimo Codice (concorso di persone nel reato) sia dell’articolo 3 dall’Atto relativo alla repressione degli atti illeciti contro la sicurezza della navigazione marittima del 20 dicembre 2002 (cd. SUA Act), adottato per dare esecuzione alla omonima convenzione, promossa dall’Organizzazione internazionale marittima dopo il caso della Achille Lauro e firmata a Roma il 10 marzo 1988. Con una memoria difensiva presentata alla Corte Suprema ed intervenendo all’udienza del 16 aprile, la difesa italiana aveva decisamente contestato la competenza della NIA, sostenendo che il reato del quale erano accusati i due marò non ricadeva nelle competenze dell’agenzia, quali risultanti dall’atto istitutivo.

La NIA sarebbe stata competente soltanto qualora i marò fossero imputati di reati previsti dal menzionato SUA Act. Ad avviso della difesa italiana, peraltro, l’applicabilità di tale fonte, che prevede all’art. 3, lett. i) per il delitto di omicidio la pena capitale, sarebbe stata del tutto inconciliabile con le “assicurazioni scritte” fornite all’Italia dall’India prima della ripartenza dei due marò, secondo le quali la pena di morte in India si applica solo ai cosiddetti “casi rari, tra i più rari”. L’ordinanza, pur precisando che l'Italia ha la possibilità di presentare ricorso “nelle sedi appropriate” contro l'utilizzazione della NIA, ha chiesto all’Agenzia antiterrorismo di “completare rapidamente le indagini”. L’ordinanza, inoltre, stabilisce, che la competenza a giudicare il caso, come prefigurato dalla sentenza della Corte Suprema del 18 gennaio scorso, spetta alla Patiala House Court di New Delhi, il collegio istituito ad hoc e presieduto dal Chief Metropolitan Magistrate Amil Bansal, scelto dalla High Court di Delhi.


  PAG. SUCC. >