BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NORD COREA/ L'esperto: un attacco nucleare ci porterà una nuova Hiroshima

Pubblicazione:sabato 6 aprile 2013

Infophoto Infophoto

Sale la tensione tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti. Kim Jong-un dà l’ordine ai comandi militari di lanciare un attacco nucleare contro gli americani.

La minaccia è stata messa nero su bianco dallo Stato maggiore dell’esercito popolare coreano, pubblicato dall’agenzia ufficiale di Pyongyang, Kcna. Dal canto suo, il Pentagono dispiega sull’isola di Guam, al largo delle Filippine, nel Pacifico, il più avanzato sistema antimissile per proteggere la base militare considerata la più esposta.

Il rapporto tra le due potenze, già compromesso da tempo, rischia di prendere una piega pericolosa. Ma fino a che punto la situazione potrebbe degenerare? Come può avvenire l’attacco e quali conseguenze potrebbe avere? Per fare luce sull’intricata vicenda ilsussidiario.net ha intervistato Stefano Silvestri, giornalista e analista geopolitico.

Cosa sta succedendo in Corea del Nord?

In questo momento la Corea del Nord sta giocando una partita che probabilmente è più diplomatica che militare e ha molto a che fare con la sopravvivenza del regime nord coreano, sta cercando di farsi riconoscere come una potenza nucleare e su questa base sta tentando di ottenere una riapertura dei negoziati per assicurarsi la fine delle sanzioni e degli aiuti economici. Fa questo minacciando soprattutto la Corea del Sud, cogliendo l’occasione delle manovre congiunte tra Corea del Sud e Stati Uniti che sono tuttora in corso.

Qual è la minaccia della Corea del Nord?

La Corea del Nord minaccia un attacco nucleare anche sugli Stati Uniti, anche se la cosa è molto improbabile almeno per ciò che riguarda gli Stati Uniti continentali mentre evidentemente possono colpire basi avanzate degli Stati Uniti come l’isola di Guam, il Giappone e la stessa Corea. Diciamo che c’è molta retorica in queste minacce che sono volte a dare l’impressione che la Corea del Nord sia un paese deciso a tutto.

Ma quali sono i missili che Pyongyang ha in dotazione e dove possono arrivare?

La Corea del Nord ha alcune testate nucleari, non molte, non si sa se abbia dei missili in grado di trasportarle. Probabilmente missili a più lunga gittata non hanno la capacità di trasportarle, mentre missili a più breve gittata potrebbero avercela. I missili sperimentati con successo fino a oggi hanno un raggio massimo di 6mila chilometri, il che significa che potrebbero raggiungere le coste dell’Alaska ma non altre zone degli Stati Uniti continentali. Forse potrebbero avere delle forme più potenziate di missili che possono fare un salto più lungo ma finora non sono stati sperimentati con successo, salvo la messa in orbita di un piccolo satellite meteorologico che ha la stessa consistenza di un missile “continentale” (un raggio di 6 chilometri). Hanno poi molti missili più efficaci a più breve gittata tra i mille e i 4mila km.


  PAG. SUCC. >