BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

EGITTO/ Scontri: uccisi quattro cristiani e un musulmano

Scontri violenti alla perfieria del Cairo: islamici attaccano i cristiani uccidendone quattro. Ucciso anche un musulmano, la polizia non interviene, le proteste

Foto InfophotoFoto Infophoto

Sempre alta la tensione nel quartiere di Khosous al Cairo in Egitto dopo che alcuni imam hanno scatenato i loro fedeli contro un asilo e diverse abitazioni di cristiani, tutte date alle fiamme, nei giorni scorsi. Negli incidenti che ne sono seguiti sono morti quattro copti e un musulmano; poi, durante i funerali dei cristiani, gli islamici sono tornati all'attacco colpendo il corteo funebre con pietre e bottiglie incendiate nella cattedrale di San Marco. Anche in questa occasione c'è stato un morto tra i cristiani mentre circa ottanta persone sono rimaste ferite. Il presidente dell'Egitto Morsi ha condannato le violenze ma i cristiani lamentano il fatto che la polizia sia sempre assente e non li difenda per nulla. Gli incidenti sono scoppiati lo scorso aprile, nel quartiere periferico della capitale egiziana: all'origine di tutto una scritta con una svastica trovata sul muro di una sede islamica. La colpa è stata data immediatamente ai cristiani, da qui l'incendio dell'asilo e di alcune case abitate da cristiani. Alla base di tutto come spesso accade una lite tra una famiglia musulmana e una cristiana, lite che sarebbe nel frattempo stata ricomposta, ma gli imam della zona hanno ordinato comunque di attaccare i cristiani. Una volta scoppiati gli incidenti le forze di polizia hanno tardato a giungere sul posto per arrivare quando già si contavano cinque morti, quattro cristiani e un islamico. In questo quadro drammatico il presidente Morsi ha telefonato personalmente al patriarca copto Tawadros II: "Ogni attacco contro la cattedrale  è come un attacco contro la mia persona" ha detto. Anche il grande imam di al-Azhar, Ahmed al-Tayyeb ha denunciato gli scontri.

© Riproduzione Riservata.