BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GRECIA/ Synghellakis (Bbc): il tiro mancino della Finlandia mette a rischio anche l'Italia

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Sì, con la differenza che la Grecia è stata messa sotto il controllo del Fondo monetario internazionale e della Trojka, mentre l’Italia no. Si tratta di una distinzione fondamentale, che ha pesato e continuerà a pesare, in fatto di scelte, di autonomia e di decisioni strategiche. E’ un elemento molto importante. Lo stereotipo negativo sul Mediterraneo è comune, bisognerà però vedere come si realizzerà concretamente questa forte comunione di intenti tra Spagna, Italia, Grecia e in parte Francia su una svolta europea.

 

Ci sono delle differenze strutturali a livello economico e sociale tali per cui gli interventi economici in Grecia devono essere diversi da quelli in Finlandia?

I Paesi mediterranei sono in maggiore difficoltà, ma ciò non vuol dire continuare solo con la politica del rigore. Il mio auspicio è che ci sia una svolta ben prima delle elezioni tedesche. Alcuni colleghi giornalisti tedeschi mi hanno spiegato che quello secondo cui dopo il voto di settembre la situazione si sbloccherà è soltanto un falso mito. Il nuovo Cancelliere non sarà più condizionato dalla campagna elettorale, ma non è detto che avrà acquisito coscienza della necessità di rimanere uniti e di non perdere la parte mediterranea dell’Europa e di non acuire le tensioni economiche e sociali. Occorre ritrovare, come ha detto il presidente del Consiglio Enrico Letta, una visione positiva dell’Europa, facendo capire ai cittadini che l’Ue è anche un sogno e un aiuto concreto.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.