BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SOLDATO UCCISO COL MACHETE/ Pabst (Uk): è il fallimento del modello inglese

Per ADRIAN PABST, la vera causa del delitto di Londra è il collassare del tessuto sociale del Regno Unito per il fallimento del modello di multiculturalismo e politiche sull’immigrazione

InfoPhoto InfoPhoto

“L’uccisione del soldato inglese a colpi di mannaia non è stato né un attacco terroristico né l’azione individuale di due psicopatici. La sua vera causa è il collassare del tessuto sociale del Regno Unito per il totale fallimento del modello di multiculturalismo e delle politiche sull’immigrazione”. Ad affermarlo è Adrian Pabst, professore dell’University of Kent, che commenta così il sanguinoso omicidio avvenuto a Londra. Intanto dalle indagini emerge che i due assassini provenivano da famiglie cristiane e in seguito si erano convertiti alla religione islamica. Uno di loro, Michael Olumide Adebolajo, era nato nel 1984 in Gran Bretagna, dove aveva studiato e giocava a calcio. Da una decina di giorni si sarebbe convertito alla jihad cambiando il suo nome in Mujaahid.

 

Ritiene che si sia trattato di un attacco terroristico o dell’azione individuale di due personalità disturbate?

Sono convinto che non si sia trattato né dell’una né dell’altra cosa. Abbiamo bisogno di conoscere il contesto, e soprattutto la situazione urbana in cui è avvenuto il delitto. Nell’agosto 2012 si è verificata una serie di insurrezioni a Londra e in altre città britanniche. L’uccisione del soldato è più la conseguenza del collassare della coesione sociale in numerose parti di Londra, del Regno Unito ma temo anche di numerosi altri Paesi europei.

 

In che senso?

In questo contesto di frammentazione sociale diverse persone abbracciano idee più fondamentaliste, fino al punto di attaccare un soldato dell’Esercito britannico, perché è visto come parte della guerra occidentale contro l’islam. Il fondamentalismo non è però l’unica forza trainante, bensì soltanto uno dei fattori in campo. Ritengo che la stessa frase “Allahu Akbar” sia più che altro uno slogan per esprimere disaffezione, e non l’espressione di due affiliati a un’organizzazione dedita sistematicamente al terrorismo.

 

Che cosa sta cambiando a Londra dal punto di vista sociale per portare a eventi drammatici come quello di mercoledì?

Quando sta avvenendo è il risultato di 20-30 anni di politiche disastrose per quanto riguarda l’immigrazione, l’economia e le culture. L’austerità e i tagli di bilancio giocano un ruolo, ma le questioni fondamentali sono l’immigrazione di massa e l’integrazione. Si è voluto costruire il multiculturalismo senza forti legami sociali, basandolo su tante differenti comunità che vivono l’una separata dalle altre.

 

Che cosa c’è alla base di questa idea sbagliata di multiculturalismo?