BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Venezuela e Argentina, i falsi “successi” che fanno sgretolare i regimi

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Mentre lo scandalo che coinvolge l'intera gestione kirchnerista, quello delle borse piene di “mattoni” di euro da 500 quando non lingotti d'oro poi trasferiti nei depositi “di famiglia” in diverse località della regione di Santa Cruz dove i Kirchner la fanno da padroni da molto tempo e di traffici lleciti che coinvolgono società situate in paradisi fiscali, diventa ogni giorno sempre più chiaro a livello di prove esibite ogni domenica dal giornalista Jorge Lanata nella sua trasmissione “Periodismo para Todos“ (giornalismo per tutti... un ironico titolo che prende in giro gli slogan nazionalpopolari della gestione kirchnerista) senza che il potere politico azzardi una sola parola per smentire questo tsunami (ma pare che Lazaro Baez, il collaboratore della famiglia Presidenziale che è il responsabile di questi traffici abbia sporto finalmente una denuncia); mentre l'inflazione galoppa sempre di più fino ad arrivare al 30%, costringendo il Governo a congelare il prezzo di 500 alimenti (ancora non se ne conosce la lista) e nominando i seguaci della Campora controllori di questa insensata manovra (una simile è palesemente naufragata un mese fa); mentre l'effetto Papa Bergoglio pare rientrato (la Presidente non ha partecipato al Te Deum officiato da monsignor Poli - successore di Papa Francesco - nella cattedrale Metropolitana di Buenos Aires in occasione della ricorrenza Patria del 25 maggio preferendo recarsi a quello omonimo officiato a Lujan, nella provincia); insomma, mentre la situazione dell'Argentina reale è gravissima, dai discorsi di Cristina e il suo entourage (coinvolto in altri scandali) appare invece un Paese dove tutto funziona a meraviglia.

Si parla di “decennio di successi” di Paese in crescita e di poteri mediatici che ne sabotano il benessere attraverso campagne infamanti, di nazione dove si mangia con l'equivalente di un euro al giorno, di inflazione inesistente e dove è il popolo a governare. Come in Venezuela, appunto...



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.