BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO OLANDA/ Tra antiche tradizioni, eutanasia e aborto, chi sopravviverà alla storia?

Pubblicazione:sabato 4 maggio 2013

Infophoto Infophoto

Andava bene una mamma per tutti, dal sorriso buono e i capelli cotonati, una nonna, adesso, che ha una storia araldica e una dignità consumata a servizio del suo paese di tutta una vita. Largo ai giovani? Il delfino ha 46 anni, un ragazzino per le nostre consuetudini politiche pre-governo Letta. Ma comunque abbastanza maturo, per segnare davvero la svolta che l’Olanda si aspetta, e per aver appena abbandonato il vizietto delle pinte di birra... Un paese con la disoccupazione alle stelle, per i suoi standard, un paese dove nei fatti, delle tradizioni, delle radici culturali se ne fregano abbastanza, se per tutti Amsterdam è simbolo di trasgressione e libertà di fare tutto quel che si vuole, se l’Olanda è il paese pioniere dei cosiddetti diritti civili, ci dicono gli intellettuali di sinistra, cioè eutanasia, matrimoni omosessuali, aborto per tutti. Altro che tulipani e fanciulle con zoccoli e cappellini a punta. Basterà rottamare le nonne, con un albero genealogico così importante? Basterà per sopravvivere alla storia che galoppa, e non è detto verso un futuro più roseo, come in Inghilterra, in Svezia, in Spagna? I rampolli scalpitano anche lì, in attesa perenne, soprattutto quando la madre è più che ottuagenaria, come Elisabetta II. Ma le corone tocca meritarsele, almeno un po’. Ci fa riflettere, questa contraddizione, l’antico che si scolora nel corteo sobrio di auto ecologiche, nelle candide dichiarazioni della neo regina, che sdegna l’epiteto di maestà. Ci fa sorridere, con un po’ di nostalgia per il sogno, e d’invidia, visto che noi di monarchi da festeggiare ne abbiamo avuti ben pochi. Visto che il colore nazionale, l’azzurro che ci inorgoglisce, è da tempo lontano solo quello della nostra nazionale di calcio.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
04/05/2013 - commento (francesco taddei)

a me delle monarchie d'europa, dei loro abiti, cappelli e lato b della sorella non importa nulla. pensiamo a salvare l'italia dalla disgragazione sociale e dalla secessione. poi tra cento anni avremo risolto sti problemi allora guardiamo le cose fescion e cuul e british e vattelappesca.