BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RAID ISRAELE/ Video, la Siria denuncia: è una dichiarazione di guerra

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Si alza la tensione in Medio Oriente dopo il doppio attacco israeliano sul territorio siriano. Due raid aerei mirati a colpire dei convogli che trasportavano missili iraniani diretti agli hezbollah libanesi, da sempre sostenuti dal regime del presidente Assad. Attacchi che certamente Israele prima dell'attuale situazione di guerra civile in Siria non avrebbe mai fatto e che invece ha messo a punto approfittando del caos che esiste nel paese. Ciò nonostante il governo siriano ha reagito duramente parlando di dichiarazione di guerra da parte di Israele nei confronti della Siria. Lo ha detto il ministro degli esteri di Damasco parlando alla Cnn: "Potremmo dare il via a ritorsioni contro Israele" ha aggiunto. In realtà il secondo attacco israeliano è stato ancor più mirato del primo: a essere colpito è stato infatti un centro di ricerca militare nei pressi della capitale siriana: ci sono anche numerose vittime. Inoltre è stato colpito anche un deposito di munizioni e una unità anti aerea del governo. La situazioni si fa dunque tesa e problematica segnando una escalation nel Medio Oriente con scenari difficili da quantificare. Su questi attacchi è intervenuto anche il ministro degli esteri iraniano che ha condannato gli attacchi "sionisti" in Siria e suggerisce di reagire contro Israele. In questo quadro giunge l'ultima dichiarazione di Obama che, a fronte del movimento di unità di guerra americane al largo della Siria, ha fatto sapere che gli Stati Uniti non interverranno militarmente anche se venisse provato che Assad ha usato armi chimiche. 


  PAG. SUCC. >