BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ISLAM/ Sbai: è l'Europa progressista a rifornire di assassini la "guerra santa"

InfoPhoto InfoPhoto

Le autorità belghe, una volta appresa la notizia della partecipazione di questi giovani alle violenze e ai massacri, li hanno chiamati “i nostri ragazzi”. Quelli, mi permetto di chiosare, non sono più i ragazzi di questo o di quel Paese: sono i soldati del terrore, sono le lame della morte, sono le ombre di ciò che erano fino a quando non hanno incontrato un predicatore con gli occhi iniettati di odio. “I nostri ragazzi”, come li chiamano le autorità belghe ormai totalmente soggiogate al ricatto estremista, sono lo specchio dell’effetto criminogeno del multiculturalismo applicato.

© Riproduzione Riservata.