BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

J'ACCUSE/ Deliolanes (Ert): la Grecia chiude la tv pubblica perché dà fastidio all'Europa

InfoPhotoInfoPhoto

Come ha dichiarato il commissario Olli Rehn, l’Unione Europea non ha giocato nessun ruolo. D’altronde in tutti i Paesi europei ci sono radio e televisioni pubbliche. Quello che chiedeva la troika era di licenziare 2mila dipendenti pubblici nel mese di giugno, ed è quanto è avvenuto. Evidentemente però con questa mossa il governo ha voluto raggiungere due obiettivi nello stesso tempo: trovare le persone da licenziare e levarsi di mezzo l’ERT, questa emittente critica e fastidiosa.

 

Non era meglio venderla invece di chiuderla?

Non c’era nessun motivo per venderla. L’ERT è un’azienda pubblica in attivo, che non ha bisogno di nessun fondo per essere mantenuta. Si mantiene grazie al canone, che in Grecia è incluso nelle bollette della luce, per un totale di circa 50 euro l’anno, e con la pubblicità, rispetto alla quale comunque a spiccare sono le emittenti private. Sta di fatto che l’ERT non prende contributi dallo Stato.

 

Quindi l’austerity in questo caso non c’entra nulla?

Il vero motivo della chiusura dell’emittente greca è soltanto politico. Questo governo è estremamente debole, ha disperato bisogno di essere sostenuto dai signori dei canali privati, e quindi sta facendo questo grande regalo all’emittenza privata e alla classe imprenditoriale attraverso la quale il governo sa di poter tenere sotto controllo l’opinione pubblica greca.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
14/06/2013 - In Italia no (Andrea Gualtiero)

Che peccato che in Italia ciò non possa accadere...! Non so nulla della televisione pubblica greca, trovo però ENORME il fatto che essa sia stata "licenziata" in toto. Infatti non posso che confrontarmi con il senso che avrebbe una scelta simile laddove mi trovo a vivere: Italia-Wonderland. E mi rendo conto subito di come QUI ciò non potrebbe MAI accadere. Non mi interessano le ragioni buone o cattive, la bontà o la malvagità, l'opportunità o l'insensatezza del "fatto in sé". Mi limito soltanto alla certezza apodittica che in Italia ciò sarebbe IMPOSSIBILE. Una certezza di pelle, sicura come sicura è la percezione del mio polso, o la visione della notte dopo il tramonto. E vabbè... pazienza.. Qui nessuno tocca Caino.