BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MARINE/ Video: Non sono pentito di aver urinato sui cadaveri dei talebani

Nel 2011, una squadra di marines venne immortalata in un video choc mentre urinava sui cadaveri dei talebani. Uno di loro, il sergente Joseph Chamblin, ha dichiarato di non essere pentito

Marine - Infophoto Marine - Infophoto

Uno dei marine americani che nel 2011 fu ripreso mentre urinava sul corpo di alcuni talebani, ha confessato all'emittente televisiva americano Wsoc di non essere pentito di quel gesto, che tango scandalizzò l'America, e che sarebbe pronto a rifarlo per vendicare i soldati americani uccisi. Il sergente Joseph Chamblin ha detto durante l'intervista che la sua squadra aveva il compito di fermare i talebani insorti. I marine hanno poi ricevuto l'ordine di recuperare i corpi dei talebani morti durante uno scontro a fuoco. Questo è accaduto dopo che un loro compagno, il sergente Mark Bradley, è morto a causa di una bomba, ha riferito l'emittente. Chamblin ha detto che il plotoni cercava vendetta: "Siamo umani. Cosa faresti se perdessi tuo fratello o tua madre? Non vorresti vendetta?". Ha poi aggiunto che l'azione voleva avere un "effetto psicologico" sulle forze talebane, perché sei un "infedele" tocca il loro corpo gli impedisce di andare in paradiso. "Mi rammarico per le ripercussione che questo gesto ha avuto sul corpo dei Marines. Ma se mi dispiace di averlo fatto? No. Lo rifarei". Il video, apparso su YouTube a gennaio 2012, fu subito condannato dai Marines: “Le azioni mostrate non sono compatibili con i valori del nostro Corpo e non sono indicative del comportamento dei suoi membri". Parole altrettanto dure arrivarano dal ministro della Difesa Leon Panetta: "Ho visto le immagini e trovo il comportamento di questi uomini assolutamente deplorevole". Il Pentagono ha poi rivelato che le immagini sono state riprese tra marzo e settembre del 2011, quando il battaglione era stazionato a Helmand. Sette dei circa 1000 marines del battaglione furono uccisi in sette mesi. Il sergente Chamblin ha poi aggiunto nell'intervista: "Volete che il Corpo dei Marines sia un gruppo di Boy Scout o volete che vadano là fuori a uccidere le persone che stanno cercando di approfittare del vostro paese e uccidono gli americani? Che cosa volete? Non si possono avere entrambe le cose". A dicembre dello scorso anno il tribunale militare ha dichiarato il sergente Chamblin colpevole di negligenza e di aver ingiustamente urinato sul corpo di un nemico. La sua condanna è stata una riduzione di grado e la confisca di 500 dollari di retribuzione.

 

© Riproduzione Riservata.