BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GMG RIO 2013/ Le "sfide" del Papa tra Brasile e Argentina

Papa Francesco (Infophoto) Papa Francesco (Infophoto)

Pare incredibile, ma l’entourage presidenziale è entusiasta di questa operazione che in pratica contraddice in maniera clamorosa le politiche di più di un decennio di potere politico. Chissà cosa penseranno i giovani della Campora, l’organizzazione oltranzista della gioventù kirchnerista. Ma forse a loro è stato detto che il tutto rientra in una logica non solo nazionalista, ma addirittura anticapitalista, dato che l’impresa petrolifera con cui è stato firmato l’accordo è l’esatto anagramma di due miti del nazionalismo Argentino CHE (Guevara) V (di Victoria) e RON, ultime tre lettere della parola PeRON...chissà come i due personaggi si rivolteranno nelle rispettive tombe...

E per finire chissà quali parole userà papa Francesco nelle sue omelie brasiliane rivolgendosi alla sua Argentina, Paese in cui il potere lo ha disprezzato per anni, ma che lui, molto cristianamente, non solo ha perdonato ma pure aiutato. Basti pensare che la Compagnia Aerolineas Argentinas che, nelle mani ormai della Campora, ha inanellato una serie di deficit colossali mai dichiarati nel Paese di appartenenza (il bilancio del 2011 si chiuse con perdite di 450 milioni di euro). La sola rotta a Roma ha perso nei primi mesi del 2012 95 milioni di euro: ma quest’anno, a causa dell’elezione di Bergoglio, è praticamente impossibile trovare un posto sul volo. Che dire... ego te absolvo!

© Riproduzione Riservata.