BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGGE ANTI-VELO/ Introvigne: Hollande picchia duro sui musulmani per ferire i cristiani

Pubblicazione:martedì 13 agosto 2013

Foto Inphofoto Foto Inphofoto

Le universitarie sono in genere maggiorenni, e nei loro confronti non è peraltro vero neanche quell’argomento, già di per sé molto debole, secondo cui per alcune ragazzine il velo sarebbe un’imposizione dei genitori. Una donna adulta è libera di scegliere. Qualora sia vittima di pressioni perché indossi determinati vestiti o adotti determinati comportamenti, esistono già leggi che reprimono le minacce, le percosse e le violenze domestiche.

 

Perché allora il 78% dei francesi dice sì alla legge contro il velo nelle università?

La legge contro il velo nelle università si inserisce nel quadro di un culto bizzarro del laicismo, che la Francia non perde occasione di riaffermare. I cattolici non devono cadere nella trappola di reagire con una sorta si riflesso pavloviano, pensando che tutto ciò che disturba i musulmani sia già di per sé positivo. La legge sul velo va contro i musulmani, ma rischia di ritorcersi anche contro i cristiani. Ricordo che quando passò la prima delle leggi sui simboli religiosi, in un’intervista molto lucida l’allora cardinale Joseph Ratzinger espresse il suo parere contrario, dicendo appunto: “Attenzione che non riguarda solo i musulmani ma è una limitazione alla libertà di tutti”.

 

Insomma secondo lei anche nelle università francesi dovrebbe esserci più libertà?

L’università è un luogo dove, salvo le esigenze che derivano dall’ordine pubblico e dal buoncostume, ognuno si veste come vuole. Negli atenei italiani entrano tranquillamente le suore con il loro vestito e persone con abbigliamento di tipo etnico. Penso ai sikh con i loro turbanti, che sono un simbolo religioso non meno evidente del velo. In Italia, dove vigono regole di buonsenso, nessuno si scandalizza per questo.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.