BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIARIO DA IL CAIRO/ Io, studente egiziano, vi racconto cosa fanno i Fratelli Musulmani

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Manifestazioni in Egitto  Manifestazioni in Egitto

Un giorno, mentre era in corso la Marcia dei sostenitori di Morsi, una donna che conosco bene stava andando a prendere la figlia a scuola in automobile nella zona dove era stato organizzato un sit-in: ha sbagliato strada, andando verso un’altra direzione, e si è trovata in una via bloccata dai sostenitori di Morsi, uomini e donne, senza poter tornare indietro a causa del traffico. Davanti a lei c’era un’altra auto, guidata da uomo a cui i sostenitori dell’ex presidente hanno chiesto tutti i soldi che aveva. L’uomo ha rifiutato, ed è stato pestato a morte e gettato a un lato della strada. Sono arrivati all’auto della donna con la stessa richiesta, e lei ha lanciato qualche moneta dal finestrino. Loro non si sono accontentati e hanno cercato di tirarla fuori dalla macchina, ma grazie a Dio è riuscita a scappare premendo sull’acceleratore e facendosi strada tra la folla.

Dopo lo sgombero dei sit-in la situazione è peggiorata, i Fratelli Musulmani e i loro sostenitori hanno commesso azioni terroristiche e violenze feroci, hanno bruciato chiese, monasteri, scuole cristiane e stazioni di polizia. Un’altra donna, che stava uscendo da una chiesa con le sue figlie, si è trovata in mezzo a una Marcia: vedendola all’ingresso della chiesa, i manifestanti l’hanno minacciata e inseguita. Lei si è messa a correre, inciampando più volte, e alla fine è stata salvata da un tassista.

Ogni volta che prendo un taxi, mi piace parlare con l’autista per sapere cosa pensa dei Fratelli Musulmani. Sono davvero tutti stanchi delle manifestazioni dei sostenitori di Morsi, che bloccano il traffico e che rendono impossibile trovare benzina e gas. In quasi in tutte le caffetterie del Cairo c’è un televisore dove vengono trasmessi solo i canali che sostengono la rivoluzione del 30 giugno (come ONTV e CBC): i clienti non si lamentano mai e tutti rivolgono parole ostili nei confronti dei Fratelli Musulmani.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.