BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS EGITTO/ Azyumardi: islam e democrazia, ecco come l'Indonesia c'è riuscita

Pubblicazione:

Un militare in piazza Rabaa Al-Adawiya (Infophoto)  Un militare in piazza Rabaa Al-Adawiya (Infophoto)

Sì, e il motivo è che il ruolo politico della società civile è quello di mediare, di costituire un ponte tra partiti che entrano in conflitto per le dinamiche provocate dallo stesso processo democratico. La società civile può essere inoltre in grado di fornire dei leader alternativi nel momento in cui si produce un braccio di ferro tra la classe politica e quella militare, come sta avvenendo in Egitto. La sfida tra Fratelli musulmani, militari e formazioni di estrazione laica poteva di per sé appartenere a una normale dialettica democratica. Ciò che ha fatto sì che la situazione andasse fuori controllo è stata l’assenza di un potere in grado di mediare tra i vari avversari in campo, e inoltre la mancanza di leader in grado di rimpiazzare la vecchia classe dirigente.

 

Più in generale, che costa può insegnare il fallimento dei Fratelli musulmani egiziani all’islam politico in tutto il mondo?

La lezione della caduta del presidente Mohamed Morsi è che i partiti politici islamisti hanno il dovere di accettare la presenza nella vita politica anche di altri gruppi e non devono tenere tutto il potere nelle loro mani. Occorre una condivisione dell’autorità con i liberali e con i copti. Il problema di Morsi è stato che ha cercato di dominare l’intero potere, e nello stesso tempo non è riuscito a migliorare l’economia egiziana. Se le condizioni di vita materiale sono misere, ciò genera risentimento nei confronti del governo.

 

Per quale motivo nessuno nel mondo islamico si è mai pronunciato contro gli attacchi di Boko Haram ai danni dei cristiani in Nigeria?

I musulmani moderati dovrebbero non soltanto pronunciarsi contro Boko Haram e qualsiasi altra organizzazione estremista islamica, ma anche fare qualcosa per risolvere la situazione in Nigeria. Nel mondo islamico esiste una maggioranza silenziosa di moderati, che di fatto lascia l’intera scena pubblica agli estremisti. E’ proprio per questo che Boko Haram può continuare ad agire indisturbata.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.