BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SIRIA/ Bonino: si rischia una guerra mondiale

“Una soluzione militare" italiana "non esiste”, ha detto il ministro degli esteri Emma Bonino, che poi ha aggiunto: “Corriamo il terribile rischio di una deflagrazione addirittura mondiale”.

Emma Bonino (Foto InfoPhoto) Emma Bonino (Foto InfoPhoto)

“Corriamo il terribile rischio di una deflagrazione addirittura mondiale”. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Emma Bonino, intervenuta ai microfoni di Sky Tg24. Di fronte a quello che sembra ormai un imminente attacco da parte di Francia e Stati Uniti, la titolare della Farnesina ha commentato l’attuale situazione, ribadendo però che “non esiste” la possibilità di una soluzione militare italiana: “Si parla di azione limitata – ha detto la Bonino riguardo le intenzioni espresse da Hollande e Obama – ma è chiaro che tutti cominciano come attacchi mirati, senza un mandato dell’Onu la Siria ovviamente reagirà, ovviamente non è Belgrado e dobbiamo temere come possano reagire Hezbollah, Russia e Iran. Insomma, da un conflitto drammatico e terribile corriamo il rischio di una deflagrazione addirittura mondiale“. “Quello che è in corso in tutta quella parte del mondo è uno scontro micidiale nell’intera famiglia musulmana e all’interno della famiglia sunnita”, ha aggiunto il ministro, quindi “ci troviamo di fronte a una complessità che va analizzata” e che aggiunge “allo scontro tradizionale sunniti-sciiti uno scontro micidiale all’interno della famiglia sunnita. Il tutto è una vera polveriera, a volte non è proprio saggio buttare dei fiammiferi in una polveriera”. Il primo ministro inglese David Cameron ha dovuto fare i conti con una dura sconfitta subita ieri in Parlamento, dove è stata bocciata la mozione del governo su un eventuale intervento. Il presidente francese Francois Hollande, invece, ha avvertito che il “no” dei britannici non cambia la posizione della Francia, “determinata a intervenire". L’inquilino dell’Eliseo non esclude raid aerei prima di mercoledì, quando si riunirà il Parlamento per un dibattito sulla situazione siriana.

© Riproduzione Riservata.