BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIRIA/ L'esperto: Al Qaeda vuole i gas per usarli in Europa

Pubblicazione:

Centro urbano in macerie in Siria (Infophoto)  Centro urbano in macerie in Siria (Infophoto)

La caduta di Assad farebbe uscire la Russia dal Medio Oriente, in quanto Mosca perderebbe il suo unico riferimento forte nella regione, mentre tutti gli altri Paesi arabi e la Turchia hanno ormai un rapporto privilegiato con gli Stati Uniti. Washington “catturerebbe” così un’ulteriore pedina nel’”americanizzazione” del Medio Oriente. Cacciando Mosca dalla Siria, riuscirebbe a fare sì che la Russia sia ridimensionata fino a diventare una potenza regionale, anziché una superpotenza globale. Come valore aggiunto si rallenterebbe l’influenza e la penetrazione cinese in Medio Oriente.

 

A quali scenari ci troveremmo di fronte in caso di una guerra?

Le opzioni possibili sarebbero due. La prima è quella di un intervento punitivo realizzato esclusivamente attraverso l’utilizzo di missili. La seconda ipotesi è una campagna prolungata che porterebbe necessariamente a un cambio di regime. Se ci si limiterà a un lancio di missili da navi o sommergibili, gli unici ad avere questi armamenti sono gli Stati Uniti. Si avrebbe quindi un’alleanza multipolare, ma per motivi meramente tecnici a “tirare il grilletto” sarebbe soltanto Washington.

 

Il premier Letta ha dichiarato che senza un’egida dell’Onu l’Italia non fornirà le sue basi aeree. Quale sarebbe l’importanza di queste basi in un’eventuale guerra contro Assad?

Nel caso di una campagna prolungata entrerebbero in gioco anche delle operazioni di aerei. Occorrerebbero dunque basi che siano le più vicine possibili al teatro dell’operazione. Una base più vicina vuol dire tre cose: tempi più veloci di arrivo sull’obiettivo, meno benzina nel serbatoio e quindi più bombe, minore stress per gli equipaggi. La Siria è oggettivamente più lontana della Libia dalle basi occidentali. Qualsiasi base più vicina rappresenta uno straordinario valore aggiunto, e on questo caso le basi disponibili più vicine sono quelle di Grecia, Italia e Akrotiri sull’isola di Cipro.

 

Quale sarebbe l’effetto domino provocato da un intervento Usa? Russia e Cina interverrebbero a loro volta?

Fughiamo subito un dubbio, la guerra mondiale non scoppierà. Non è neanche lontanamente ipotizzabile che per ritorsione gli alleati di Assad lancino i missili sugli Stati Uniti. E’ molto più realistica l’ipotesi che nel momento in cui il presidente siriano comprendesse di essere spacciato, potrebbe decidere di sparigliare le carte e di lanciare i missili a sua disposizione contro Israele. Ciò porterebbe all’intervento di Israele, aprendo un vaso di Pandora che difficilmente potrebbe richiudersi.

 

Assad ha dichiarato che Al Qaeda potrebbe impadronirsi delle armi chimiche siriane per poi usarle contro l’Occidente. E’ una minaccia per spaventare l’Europa?

Tutto dipende dal controllo che Assad ha dei suoi depositi di armi chimiche. E’ però un dato di fatto che da molti anni Al Qaeda sta cercando di impossessarsi di armi di distruzione di massa per impiegarle contro l’Occidente. Lo ha dichiarato la stessa organizzazione terroristica in tempi non sospetti, e quindi quanto afferma Assad è del tutto veritiero.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.