BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SIRIA/ Possibile attacco nelle prossime ore. Letta: senza l'Onu l'Italia resta fuori

Obama e Hollande convinti a lanciare l'attacco alla Siria, anche se sarebbe un attacco limitato nel tempo. Letta intanto dice che l'Italia senza ONU non parteciperà

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Mentre il nostro capo del governo ribadisce chiaramente la posizione dell'Italia sottolineata nei gironi scorsi dal ministro degli esteri e cioè che il nostro paese non parteciperà ad alcuna azione di guerra senza autorizzazione dell'ONU, Francia e Stati Uniti potrebbero essere pronti a scagliare l'attacco già nelle prossime ore. Si fanno sempre più insistenti le voci infatti in questo senso: la tv araba Al Arabiya ha comunicato che l'attacco può avvenire in qualunque ora e che le forze siriane sono pronte a rispondere. In Israele in molti si aspettano un attacco già questa notte. Tornando alle parole di Letta, il premier ha detto di capire la posizione di Usa e Francia, ma senza Onu noi fuori dal conflitto: "La settimana prossima a San Pietroburgo faremo di tutto perché si trovi una soluzione politica al dramma siriano che ha già prodotto un numero intollerabile di vittime e di profughi. La rapida convocazione di Ginevra 2 è oramai ineludibile" ha detto, riferendosi al prossimo incontro del G20. Obama dal canto suo non è rimasto impressionato dalla decisione del parlamento inglese di dire no all'attacco, parlando di prove certe dell'uso chimico da parte di Assad e di pericolo per la sicurezza nazionale americana. Ha anche detto che si tratterà di un attacco limitato nel tempo. Il capo del consiglio per la sicurezza nazionale Susan Rice è stata anch'essa esplicita. "Non c'è dubbio che Damasco ha usato i gas il 21 agosto. La questione ora è come punire il regime di Bashar al Assad e impedire che lo faccia di nuovo". Hollande dal canto suo ha sposato questa posizione pienamente e vuole l'attacco alla Siria. Nella vicina Israele la popolazione ha ricevuto maschere anti gas e l'esercito è già pronto a intervenire. Assad e l'Iran hanno infatti minacciato di colpire Israele in caso di attacco alla Siria. 

© Riproduzione Riservata.