BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CINA/ Strappano gli occhi a un bimbo di sei anni: il colpevole è la zia?

In Cina il 24 agosto un bambino di sei anni, fu trovato senza gli occhi, ma ancora vivo. La polizia pensò subito al mercato nero degli organi, ma ora le indagini puntano su una zia

Cina (Infophoto) Cina (Infophoto)

A fine agosto a un bambino di sei anni in Cino sono stati cavati gli occhi. Ora sua zia è diventata primo sospettata della polizia per questo terribile gesto. Il ragazzino cieco, Guo Bin, è stato trovato coperto di sangue nella provincia settentrionale dello Shanxi dopo che gli erano stati strappati gli occhi, lo scorso 24 agosto. Secondo le autorità la zia del ragazzo, Zhang Huiying, che si è suicidata venerdì, è la loro primo sospettata, ha rivelato l'agenzia di stampa Xinhua. Il sangue del ragazzo è stato trovato sui vestiti della zia dopo i test del DNA, secondo una dichiarazione da parte della polizia della città di Linfen , anche le indagini della polizia puntato verso di lei. Stando alle prime rivelazioni, dopo il ritrovamento degli occhi del ragazzo era stato detto che non c'erano le cornee, facendo pensare che l'aggressore fosse un trafficante di organi, ma la polizia ha poi escluso la vendita di organi come movente, in quanto le cornee erano state trovati attaccate ai bulbi oculari. La polizia aveva offerto 100.000 yuan (16.000 dollari) come ricompensa per informazioni che portassero all'arresto del sospetto. I rapporti medici hanno detto che il ragazzino era stato drogato prima che gli venissero strappati gli occhi. Il brutale attacco contro il ragazzo - che ha la palatoschisi - ha sconvolto gli utenti Internet in Cina, che hanno chiesto vendetta.I medici intendono di impiantare dei bulbi oculari artificiali nelle orbite del ragazzo, in modo che le persone non saranno spaventate dal suo aspetto, ha dichiarato ai media locali lo zio del bambino. Ha aggiunto che se le sue condizioni saranno stabili gli verranno impiantati gli occhi artificiali entro tre mesi. Gli impianti oculari elettronici possono consentire Guo di recuperare qualche grado di vista, e la famiglia ha già ricevuto un'offerta da un chirurgo di Hong Kong per eseguire l'operazione gratuitamente. L'attacco a Guo ha innescato un grande sostegno in Cina, così come la frustrazione per non aver trovato il suo aggressore. "Le donazioni sono arrivate subito dopo la notizia dell'attacco al ragazzo, a fine agosto, e hanno raggiunto gli 800.000 yuan (83.686 sterline)", riporta il China Daily. Il suicidio della zia di Guo, ha suscitato il sospetto che potesse essere l'aggressore, ma i parenti pensano che sia impossibile dati i buoni rapporti.

© Riproduzione Riservata.