BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIRIA/ Il giornalista siriano: Al Qaeda sta cercando di rubare la nostra rivoluzione

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

In Siria (Infophoto)  In Siria (Infophoto)

E’ stato per tre mesi nelle carceri di Assad, dopo essere stato fermato dalla polizia mentre seguiva come giornalista le dimostrazioni contro il regime. Mohamad Zaid Mastou ha vissuto la prigionia in Siria proprio come Domenico Quirico, anche se ad arrestarlo furono le forze fedeli al governo e non i ribelli. Il giornalista siriano all’epoca era corrispondente per Al Arabiya dalla Norvegia, ed era tornato dalla sua famiglia per una breve vacanza, quando scoppiò la rivoluzione di cui documentò le fasi iniziali. Nel 2012 è tornato in Siria sempre per Al-Arabiya, e oggi lavora per la Middle East Broadcast Networks, una tv satellitare in lingua araba con sede a Washington e finanziata dal governo americano. Subito dopo la rivoluzione, Quirico ha affermato: “Ho cercato di raccontare la rivoluzione siriana, ma può essere che questa mi abbia tradito. Non è più la rivoluzione di Aleppo, è diventata un’altra cosa”.

 

Mastou, condivide le affermazioni di Domenico Quirico?

Per prima cosa, occorre chiarire che a combattere contro il regime di Assad non è un unico blocco. Quando la rivoluzione è iniziata non c’era un unico leader in grado di rappresentarla, in quanto era essenzialmente un fenomeno di popolo. Oggi in parallelo con la rivoluzione è cresciuta e si è sviluppata un’altra fazione che si contrappone ad Assad e che non rappresenta la libertà.

 

Quindi è cambiata la natura della rivolta siriana?

Tutto è iniziato con una richiesta di maggiore democrazia, ma poi si sono aggiunti Al Qaeda e altri movimenti jihadisti. Quando la rivoluzione è iniziata i siriani chiedevano democrazia e libertà, ma poi il conflitto si è fatto più complicato e un’altra fazione si è inserita, iniziando a combattere il regime per i propri interessi. Non possiamo dire che non sia più in atto una rivoluzione, perché i siriani continuano a lottare.

 

C’è il rischio che i jihadisti rubino la rivoluzione?

E’ ciò che stanno cercando di fare. In Siria abbiamo due gruppi che combattono Assad con obiettivi completamente diversi, e nessuno può dire quale di questi due “partiti” prevarrà.

 

Considera un errore strategico il fatto che i ribelli abbiano cercato l’appoggio di Arabia Saudita e Stati Uniti?


  PAG. SUCC. >