BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIRIA/ L'allarme del Vaticano: rischio di guerra mondiale. Il Papa su Twitter

Pubblicazione:lunedì 2 settembre 2013

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Papa Francesco anche oggi ha ripetuto il drammatico grido lanciato all'ultimo Angelus: mai più la guerra! Lo ha fatto con l'ultimo suo messaggio su twitter ripetendo  per ben due volte le medesime parole, segno di una sofferenza drammaticamente espressa dal pontefice. Gli eventi che riguardano il possibile attacco americano in Siria sono infatti sempre più minacciosi, nonostante la promessa di Obama di aspettare il voto del Congresso. Portaerei americane continuano ad avvicinarsi alle coste della Siria, un chiaro messaggio che lascia intendere che l'attacco è solo questione di giorni. E' intervenuto adesso monsignor Mario Toso, del dicastero vaticano Giustizia e pace, lanciando un nuovo drammatico appello: siamo davanti al rischio di una guerra globale e mondiale, ha detto. La soluzione ai problemi della Siria, ha detto, non può essere l'intervento armato: "La violenza non ne verrebbe diminuita. C'è anzi il rischio che deflagri e si estenda ad altri Paesi. Il conflitto in Siria contiene tutti gli ingredienti per esplodere in una guerra di dimensioni mondiali". Parlando a Radio Vaticana Toso ha poi detto che le società civili chiedono di lavorare con convinzione e intensamente per la pace: "Non è mai l'uso della violenza che porta alla pace. La guerra chiama guerra anche perché intrappola i popoli in una spirale mortale: porta in sè una visione distorta del potere inteso come sopraffazione e dominio e, inoltre, accentua il pregiudizio che tutti cercano di distruggere gli altri. Su tali presupposti l'"altro" rimane sempre un antagonista, un nemico da sconfiggere, non sarà mai un fratello. La guerra non finisce mai e le ragioni della giustizia sono disattese". Il modo con cui si stanno muovendo i grandi della terra, ha aggiunto, lascia angosciati: questo conflitto può esplodere in una guerra di dimensioni mondiali. Unica alternativa, ha concluso, la via della ragionevolezza, del dialogo e del negoziato. 



© Riproduzione Riservata.