BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI GERMANIA/ Borghi: a salvarci non sarà la Merkel ma l’uscita dall’euro

Pubblicazione:sabato 21 settembre 2013

Infophoto Infophoto

«Anche se dopo le elezioni tedesche il nuovo governo di Berlino dovesse rinunciare all’austerity, ciò non sarebbe sufficiente a rilanciare l’economia italiana. L’unica possibilità per uscire dalla recessione è abbandonare la moneta unica e ritornare alla valuta nazionale». A sostenerlo è Claudio Borghi Aquilini, professore di Economia degli intermediari finanziari all’Università Cattolica di Milano, secondo cui il voto tedesco di domani potrebbe cambiare l’assetto politico del governo di Berlino, ma non modificherà sostanzialmente le sorti dell’economia europea.

 

Professor Borghi, che cosa cambierà per l’economia europea con il voto tedesco di domani?

Uno degli appuntamenti chiave dopo le elezioni sarà la decisione sulla necessità di un ulteriore esborso di fondi da destinare alla Grecia. Quasi tutti i partiti tedeschi hanno negato questa eventualità, e quindi ci si chiede che cosa accadrà quando ci si troverà di fronte alla necessità inevitabile di finanziare la Grecia. Se infatti Atene dovesse dichiarare un ulteriore default sul suo debito, le conseguenze sarebbero molto gravi.

 

Per quali motivi? 

Al secondo default consecutivo, nessuno sarebbe più disposto a prestare soldi ad Atene, e d’altra parte l’Europa non erogherebbe finanziamenti diretti per l’opposizione della Germania. La Grecia si troverebbe così nelle condizioni di non poter pagare né gli stipendi pubblici, né le pensioni, o in alternativa di uscire dall’euro. La decisione sul debito greco sarà quindi il momento di vero test sulla nuova coalizione e sul governo tedesco. A quel punto si potrà infatti valutare se chi uscirà vincitore dalle elezioni manterrà le intenzioni bellicose dimostrate negli ultimi anni.

 

Ma secondo lei basterebbe un ripensamento tedesco sull’austerity per risolvere i problemi dell’euro?


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
22/09/2013 - To much obvious (Vittorio Cionini)

Elementare Watson. Ma forse troppo semplice per i nostri illustri "professors" Vittorio