BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FEMEN/ Prendono ordini da un uomo che vuole solo sesso: l'ideologo Viktor Svyatskiy

Un documentario presentato fuori concorso al festival di Venezia svela la verità dietro al gruppo femminista delle Femen: le ha inventate un uomo che dà loro ordini 

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Per l'ultima bandiera del femminismo militante non deve essere proprio una bella pubblicità sapere che le Femen, le attiviste a seno nudo, siano state pensate e inventate da un uomo il quale l'unica cosa di cui ha interesse è il sesso a ogni costo. Il massimo del maschilismo.  "Farei di tutto per il sesso: ho creato il gruppo per avere delle donne" dice l'ideologo Viktor Svyatskiy che ha inventato le Femen nel film documentario presentato al festival di Venezia in questi giorni fuori concorso, "Ukraine is not a brothel" di Kitty Green. Tutti conoscono le Femen: bellissime ragazze ucraine che si presentano davanti a capi di stato di tutto il mondo e anche in piazza San Pietro a seno nudo con il corpo coperto di scritte di protesta in nome della libertà delle donne e contro i potenti di turno Le loro manifestazioni finiscono regolarmente con qualche poliziotto che le placca e le trascina per qualche giorno in galera. Lo hanno fatto contro Putin, contro Berlusconi e tanti altri. Ma nel documentario il cui titolo significa "l'Ucraina non è un bordello" (paese dove sono nate le Femen) si viene a scoprire che sono solo vittime di squallido maschilismo. La regista del documentario si è infiltrata per una anno insieme a loro seguendole nelle loro proteste e ascoltando le loro dichiarazioni. Si scopre che vengono attentamente selezionate solo le più belle per entrare a farne parte ottenendo così finanziamenti da ogni parte del mondo: insomma, le top model del femminismo. A un certo spunta Viktor, l'uomo che impartisce loro gli ordini, un personaggio che se ne esce con: "se non fai bene la tua performance non avrai i duecento dollari". Per poi ammette: "Gli uomini fanno di tutto per il sesso: io ho creato il gruppo per avere delle donne". E aggiunge: "Spero che grazie al mio comportamento patriarcale loro rifiutino quel sistema che rappresento". Insomma: io sono uno sfruttatore, vi sfrutto così voi imparate a non farvi sfruttare. Una bella logica senz'altro. 

© Riproduzione Riservata.