BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SIRIA/ Shamseddine (islam sciita): sto col Papa, i siriani risolvano da soli la loro crisi

Infophoto Infophoto

Ritengo che la questione sia in qualche modo mal posta. Il punto è che il mondo arabo deve smettere di attendere sempre e di essere dipendente da un intervento esterno. Preferisco sempre delle soluzioni che vengono dal nostro mondo e dall’interno del nostro sistema. Saddam e gli altri dittatori arabi sono rimasti al loro posto per decenni. Non commenterò quindi direttamente l’iniziativa del presidente Obama, ma mi limiterò a dire che preferisco che la crisi siriana sia risolta dagli stessi siriani. Il problema di noi arabi è che anche quando siamo convinti che sia necessario l’uso della forza, non siamo in grado di generarla con le nostre stesse energie.

 

In Siria giocano un ruolo importante anche Hezbollah, Iran e monarchie del Golfo. Considera anche queste come ingerenze esterne?

Quanto sta avvenendo è diventato un conflitto tra interessi contrapposti, sia regionali sia internazionali, che si scontrano sul territorio siriano. Ciò purtroppo sta facendo passare in secondo piano gli interessi della popolazione siriana. Tutto è iniziato come una rivoluzione interna, per chiedere un sistema politico migliore, più democrazia e più libertà, ma si è presto trasformata in una guerra di tutti contro tutti di cui i siriani sono le vittime. Disapprovo qualsiasi forma di intervento esterno, sia che venga dall’Iran, dalla Russia o da Hezbollah. Qui in Libano ho preso pubblicamente posizione contro la scelta di Hezbollah di sostenere Assad. Sono quindi del tutto contrario a qualsiasi intervento da parte di elementi sia libanesi sia occidentali. L’intera questione va lasciata nelle mani dei siriani.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.