BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

G20/ Niente Siria nel comunicato finale, i potenti del mondo spaccati a metà

Nulla di fatto al G20 di San Pietroburgo. Nel comunicato finale pubblicato sul sito ufficiale del vertice non c’è traccia della questione siriana. I potenti del mondo si dividono.

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Nulla di fatto al G20 di San Pietroburgo. Nel comunicato finale, pubblicato sul sito ufficiale del vertice, non c’è traccia della questione siriana. I potenti del mondo si dividono (c’è chi dice 50 e 50), tra chi considera necessario e inevitabile un intervento militare e chi invece vorrebbe una diversa soluzione (e magari raccogliere il grido di pace di Papa Francesco). “Quasi tutti i leader al G20 sono d’accordo con la necessità di un intervento militare in Siria”, ha detto in conferenza stampa il premier turco Recep Tayyip Erdogan, ma non sembra essere così. A smentirlo ci ha pensato poco dopo Vladimir Putin, secondo cui gran parte dei partecipanti sono contrari all’iniziativa. “L'applicazione della forza nei confronti di uno Stato sovrano è possibile solo per autodifesa e con il mandato Onu, e non è questo il caso. Come già detto, chi agisce in modo unilaterale viola la legge internazionale”, ha precisato il presidente russo, facendo poi l'elenco dei paesi contrari all'intervento: Cina, Argentina, Italia e Brasile, oltre a India e Indonesia. “Non dobbiamo dimenticare il messaggio del Pontefice, che si è espresso apertamente sull'inammissibilità dell'azione militare”, ha aggiunto Putin, oggi a colloquio per circa 20 minuti con Barack Obama. Quest’ultimo ha anunciato che martedì prossimo si rivolgerà agli americani in un discorso dalla Casa Bianca: “Sono stato eletto per finire le guerre, non per iniziarle, ma devo agire”.

© Riproduzione Riservata.