BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SIRIA/ Il reporter: si prepara un nuovo Afghanistan modello '89

(Infophoto)(Infophoto)

La caduta di Fallujah e Ramadi nelle mani di al-Qaeda dimostrano le bugie dei politici che dopo 10 anni di occupazione ci avevano detto che il nuovo esercito iracheno era finalmente in grado (dopo aver speso milioni di dollari per addestrarli) di proteggere il loro Paese. Bugie che oggi vengono a galla. Al-Qaeda, come i Talebani, dovevano essere decimati e non dovevano avere più posto in Iraq o Afghanistan. Oggi in Afghanistan si cerca di trattare con i Talebani e in Iraq al-Qaeda è più forte che mai, anche se l'Occidente continua a raccontarsi la storiella che la causa delle auto bombe è la disperazione. Quando in realtà la Siria ha dimostrato che sono molto attivi e soprattutto hanno molte risorse e combattenti pronti a unirsi a loro (dall'Europa in particolare). 

 

E poi c’è la corruzione…

La corruzione che esiste tra i soldati e i politici iracheni non facilitano certamente la costruzione di un esercito in grado di proteggere il Paese, soprattutto quando le tribù sunnite vedono i militari di Baghdad come nemici e non come una protezione e una sicurezza. L’Afghanistan farà la stessa triste fine se non ci sarà una rapida svolta (che obiettivamente sembra impossibile). L’esercito afghano è composto per oltre il 90 per cento da soldati non-Pashtun. Chiamarlo esercito dell'Alleanza del Nord, o ex mujaheddin di Massud sarebbe più corretto.

 

(Fabio Franchini)

© Riproduzione Riservata.