BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS THAILANDIA/ L'inviato: da questo conflitto dipende la ripresa economica mondiale

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il premier tailandese, Yingluck Shinawatra (Infophoto)  Il premier tailandese, Yingluck Shinawatra (Infophoto)

La vera questione è che il capitalismo e la democrazia riescono a portare la ricchezza alle masse. Se questo sviluppo è sconfitto in Thailandia, c’è il rischio di un effetto domino in tutta l’Asia, cioè in tutta quell’area che rappresenta il 60% del pianeta. Se il capitalismo e la democrazia non si difendono in Thailandia dove esiste già, diventa impossibile farlo avanzare là dove non c’è o è ancora agli inizi, come in Birmania, in Cina e in Indonesia. Tutto il continente è a rischio, e la Thailandia è il campo di battaglia di questa lotta, così come il Vietnam fu il campo di battaglia tra socialismo e democrazia negli anni ’60 e ’70. Allora però il presidente Nixon riuscì ad aggirare il problema vietnamita portando la Cina sul campo della democrazia, un’operazione che oggi non è però riproponibile.

 

Perché, a differenza degli anni ’60 e ’70, oggi la partita non si gioca più in Cina ma in Tailandia?

La Cina sta già avanzando su un terreno di democrazia e di sviluppo. Oggi Pechino attraverso il suo ministero degli Esteri ha preso posizione a favore del processo democratico in Thailandia e contro le manifestazioni. Nonostante le riforme adottate in Cina negli ultimi anni, se la democrazia è sconfitta in Thailandia i dirigenti cinesi prenderanno le loro misure. Cominceranno infatti a non credere nel valore della democrazia e nel fatto che l’Occidente sia veramente disposto ad appoggiarla fino in fondo. La stampa occidentale in generale finora è stata abbastanza critica nei confronti di Yingluck Shinawatra, anche se l’altro giorno c’è stato un editoriale piuttosto importante sul Washington Post, che ha preso posizione contro i manifestanti definendoli chiaramente anti-democratici. Ciò rappresenta una dichiarazione chiara di una parte dell’establishment americano a favore del processo democratico.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.