BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ASIA BIBI/ Confermata la sentenza di pena di morte per la donna accusata di blasfemia

Pubblicazione:venerdì 17 ottobre 2014

Asia Bibi Asia Bibi

E' in carcere ormai da quattro anni, Asia Bibi, madre di quattro figli, donna cristiana pachistana accusata di blasfemia. Ieri l'Alta corte di Lahore ha confermato la sentenza di condanna a morte nei suoi confronti. Il ricorso presentato dalla difesa, dopo essere rimasto nei cassetti del tribunale per mesi e mesi, è stato adesso respinto ufficialmente. Questo nonostante nell'udienza di ieri la difesa fosse riuscita a smontare praticamente ogni accusa da parte di testimoni non credibili. Invece il giudice ha ritenuto valide tutte le accuse di due sorelle musulmane che hanno accusato Asia Bibi di blasfemia. Le due donne avrebbero litigato con la donna cristiana e da quel litigio venne poi l'accusa per Bibi di blasfemia. Adesso la difesa ha fatto sapere che ricorrerà al terzo e ultimo grado di giudizio, la Corte suprema. Come si sa in Pakistan l'accusa di blasfemia è sempre una invenzione da parte di qualche islamico che vuole impadronirsi di terreni o di proprietà dell'accusato o vendicare in questo modo qualche presunto torto personale o semplicemente per invidia. Si sa anche che i tribunali pachistani anche in mancanza di prove certe come nel caso di Asia Bibi confermano le condanne per paura di venir uccisi dai fanatici islamici se per caso dovessero assolvere un accusato.



© Riproduzione Riservata.