BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ISIS/ Jean: lo Stato islamico è colpa di Obama e del "suicidio" sull'Iraq

Infophoto Infophoto

A mio avviso è molto realista. Il governo di Ankara chiede che la coalizione non si limiti a combattere i terroristi e a rafforzare i turchi, bensì che agisca in modo da scalzare e creare una zona cuscinetto in Siria e a protezione del suo territorio: è una posizione machiavellica, cinica, ma che corrisponde agli interessi nazionali turchi. Certo, rappresenterebbe un atto di aggressione nei confronti di Assad, ma l’obbiettivo della Turchia è proprio quello di coinvolgere gli Usa contro il regime di Damasco, cosa dalla quale Obama si è tenuto ben lontano dal fare al momento. Ma c’è una cosa da dire.

 

Prego.

Il Califfato è riuscito a creare notevole trambusto in Turchia, in particolare con la protesta della minoranza curda contro Erdogan per non aver aiutato i curdi di Kobane. Ma qui è bene tenere a mente che i curdi di Kobane fanno parte del Partito democratico curdo, che è un affiliazione del PKK che in Turchia ha provocato circa 40mila morti.

 

(Fabio Franchini)

© Riproduzione Riservata.