BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

STATO ISLAMICO/ Bambina cristiana di 3 anni rapita dai miliziani, forse in un harem

La storia di Christina, una bambina cristiana di 3 anni irachena rapita dai miliziani dello Stato islamico forse per essere portata in un harem, ecco di cosa si tratta

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Christina, 3 anni di età, è stata portata via dai miliziani di Isis lo scorso 22 agosto dopo l'arrivo nella città irachena di Marhaba Hall. Come si sa lo scorso agosto le milizie dello stato islamico conquistarono ampie zone del paese abitate da cristiani costretti a fuggire se non si fossero convertiti all'Islam. Tra le migliaia di queste famiglie, anche quella di Christina, una bambina di 3 anni di cui non si sa più niente. La storia la raccontano i genitori stessi della piccola al quotidiano Mcn Direct, dopo essere riusciti a fuggire nel Kurdistan iracheno. Una sera, dicono, i militanti islamici li costrinsero ad abbandonare la loro abitazione insieme agli altri cristiani. La famiglia si fermò in un ambulatorio per delle visite mediche sotto sorveglianza dei miliziani. Mentre attendevano il loro turno un uomo anziano con abito afghano li osservava poi si avvicinò a un miliziano indicando la famiglia. Fu allora che il miliziano strappò la bambina alla madre per consegnarla al vecchio nonostante le proteste disperate dei genitori. Da allora della piccola non si è saputo più niente, si pensa sia stata portata in un harem insieme alle tante giovani rapite dagli islamici. 

© Riproduzione Riservata.