BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

DIARIO USA/ Neri, ebrei, gay: se il dramma del Ku Klux Klan diventa farsa

Un dei pochi membri reduci del Ku Klux Klan ha detto che in fondo, purché si voglia bene all'America, nel Klan c'è posto per tutti: scuretti, ebrei, omosessuali. RIRO MANISCALCO

Immagine di archivioImmagine di archivio

NEW YORK — Che abbia scelto di vivere qui non significa che mi sfuggano (completamente) i lati oscuri e le follie di questa America. Non mi sfuggivano neanche quelli dell'amato paese natio, ma di solito quelli americani sono molto più folcloristici. Inoltre non è che io passi la giornata a cercare plateali manifestazioni di stupidità per scriverci sopra. E' vero però che qua ne succedono parecchie, e qualcuna la si deve notare per forza e quelle che mi sfuggono me le fanno presenti gli amici dall'Italia. E quando le leggo non resisto…

Oggi sugli scudi c'è Mr. John Abarr, "Rocky Mountain Knight" del Ku Klux Klan. Tanto per cominciare, cosa voglia dire "Rocky Mountain Knight" lo sa solo Mr. Abarr, in quanto risulta essere l'unico esponente del KKK in Montana e di conseguenza, necessariamente autoreferenziale. E in maniera decisamente autoreferenziale, Abarr l'altro giorno ha rilasciato un'intervista in cui ha detto che in fondo, purché si voglia bene all'America, nel Klan c'è posto per tutti: scuretti, ebrei, omosessuali… 

Come forse saprete, il Ku Klux Klan ha vissuto tempi migliori di quelli odierni. Nelle tre fasi in cui gli storici suddividono la sua esistenza, si è passati da milioni di aderenti a (forse) i 5.000 gatti randagi di oggi. Non si era fatto in tempo a finire la guerra di secessione che già degli ufficiali confederati mettevano insieme in Tennessee quest'associazione segreta con l'intento di "purificare" il paese. Tale processo di purificazione andava inteso alla "Calimero & Ava come lava" (i più giovani se lo faranno spiegare dai più vecchi), ma siccome non è che lavandoli gli (ex) schiavi avrebbero cambiato colore, allora bisognava ammazzarli, o quantomeno affrettarsi a rimetterli in catene. 

Ovviamente per il bene del Paese. Perché, come diceva lo Statuto del 1865, questa fratellanza si fondava sugli inaffondabili principi della cavalleria, umanità, misericordia e patriottismo. Parole sacrosante, purché si fosse bianchi, protestanti e democratici. Sì, democratici (Lincoln era repubblicano). Vi immaginate che faccia farebbero i padri fondatori del Klan davanti ad Obama? Comunque sia, all'apice del suo successo (tra il 1915 e il 1930 si sfiorarono i 5 milioni di aderenti), il Klan aveva messo su una struttura da far paura nonostante una gerarchia fatta di anonimi personaggi chiamati "Il Grande Mago", "Il Dragone", "Il Titano", "Il Gigante", "Il Ciclope", "Il Monaco", tutti mascherati da Halloween, con tanto di torce, croci in fiamme e cappi da impiccato sempre a portata di mano. Pagavi l'iscrizione e ti mandavano il costume a casa.

La cosa — che potrebbe far ridere — non faceva ridere proprio per niente, soprattutto i perseguitati che nel frattempo avevano visto un notevole ampliamento delle proprie fila con l'inserimento di ebrei, immigrati in genere e cattolici in particolare. Ultimi in ordine di arrivo nella lista dei panni sporchi da "ripulire", gli omosessuali. Il tutto per un'America dura e pura.