BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VIRUS EBOLA/ Si aggrava il medico italiano: non respira più da solo

Rimangono gravi ma "stabili" le condizioni del medico italiano affetto da Ebola ricoverato dal 25 novembre scorso presso l’Istituto Spallanzani di Roma. Lo si legge nell’ultimo bollettino

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Rimangono gravi ma "stabili" le condizioni del medico italiano affetto da Ebola ricoverato dal 25 novembre scorso presso l’Istituto Spallanzani di Roma. Lo si legge nell’ultimo bollettino medico diffuso oggi, nel quale viene fatto sapere che il paziente è ancora in assistenza respiratoria meccanica e che le sue condizioni sono stazionarie da questa notte. Il medico è infatti peggiorato improvvisamente ieri pomeriggio e in serata ha necessitato di assistenza respiratoria. Dallo Spallanzani viene aggiunto che la prognosi permane riservata. Soltanto due giorni fa la salute del medico di Emergency colpito dal virus ebola in Sierra Leone era notevolmente migliorata: la febbre era scomparsa, ma persisteva la sintomatologia presente nei giorni precedenti e una profonda spossatezza. La valutazione terapeutica, ha detto il direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito, "sarà effettuata giorno per giorno, sulla base delle condizioni del paziente".

© Riproduzione Riservata.