BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIARIO GERMANIA/ Se i comunisti usano le parole cristiane per tornare al potere

Infophoto Infophoto

Se poi, per quanto riguarda Ramelow, egli, con la sua idea di socialdemocratica, che gli ha fatto scegliere Die Linke piuttosto che la SPD, sia capace come il Teseo di Plutarco di riunire "un popolo fino ad allora disunito, sordo ad ogni chiamata quando si trattava di interessi comuni" (Vite parallele), si vedrà. Se si chiede alle persone cosa manchi loro della vecchia realtà della Ddr, ci si sentirà rispondere che allora c'era più solidarietà. Difficile giudicare se ciò sia vero, ma è un fatto che la gente — come i greci uniti dal Teseo di Plutarco — è abbastanza "disunita" e sorda alla domanda di un bene comune. 

PS. Naturalmente c'è anche un'altra ipotesi, diversa da quella socialdemocratica di Ramelow. Essa sta nel messaggio cristiano, vissuto in modo capace di integrare, in un dialogo trasversale, tutto ciò che serve l'uomo.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
09/12/2014 - Post Scriptum - martedì 9 dicembre (Roberto Graziotto)

Proprio nel giorno dell'uscita del mio articolo su Bodo Ramelow la cancelliera Angela Merkel è stata rieletta a Colonia con circa il 97% dei voti, per l'ottava volta, come presidente della CDU (fonte MDR = Mitteldeutscher Rundfunk). Ha toccato duramente l'evento politico della Turingia, commentato nel mio articolo, dicendo che esso è una vergogna politica, tanto più che accade nel venticinquesimo anniversario della caduta del muro. Si potrebbe dire che una tale affermazione sia ovvia nel "discorso politico", ma forse, se si tiene conto che la cancelliera nel suo discorso di oggi a Colonia non cita mai né l'ascesa della AfD né la manifestazione di 10.000 persone contro l'Islam ed in difesa dell'identità europea avvenuta al fine settimana a Dresda, si potrebbe dire che Angela Merkel manchi totalmente di un "discorso trasversale" sia a destra che a sinistra, con la differenza che la sinistra è degna almeno di essere combattuta esplicitamente.