BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SCENARI/ Ecco quanto conta la lobby dei Fratelli Musulmani negli Usa

La visita di Barack Obama al Cairo nel 2009La visita di Barack Obama al Cairo nel 2009

Non lo ritengo probabile, in quanto la politica russa è ampiamente ispirata dal desiderio di opporsi agli Stati Uniti. Russia e America non sono inoltre gli unici attori internazionali in Siria. Anche Iran, Turchia, Arabia Saudita e Qatar giocano un ruolo fondamentale. Se anche Mosca e Washington trovassero un terreno d’incontro, è impossibile che le potenze del Medio Oriente facciano altrettanto.

 

Quindi lei si aspetta che la guerra continui ancora a lungo?

Mi aspetto che la guerra continui ancora per un certo tempo. Non prevedo però che alla fine ci sia un vincitore, quanto piuttosto che la Siria finisca per essere divisa, con una parte che rimarrà sotto il controllo del governo e un’altra sotto quello dei ribelli. Non è certo la soluzione ottimale, ma forse è l’unica che si possa trovare in una situazione profondamente tragica e infelice come quella siriana.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.