BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

OMICIDIO LEE RIGBY/ Condanna all'ergastolo per l'islamico che uccise il soldato inglese

L'assassino del soldato inglese ucciso a Londra un anno fa è stato condannato all'ergastolo, il suo complice a 45 anni di carcere. Lee Rigby fu ucciso da due fondamentalisti islamici

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Michael Adebolajo, 29 anni, è stato condannato all'ergastolo; il suo complice Michael Adebowale, 22 anni, a 45 anni di carcere, il che equivale a un altro ergastolo. Sono le due sentenze con cui è stato chiuso il terrible caso dell'omicidio del soldato inglese Lee Rigby, ammazzato brutalmente a colpi di machete per le strade di Londra in mezzo alla gente. I due, cittadini inglesi, ma di origini somale, hanno rappresentato il tipico caso di terrorismo all'occidentale, quello di giovani cresciuti nei paesi dell'Europa che si convertono all'islam radicale e fondamentalista, decidendo azioni sanguinarie di propria iniziativa, ispirandosi ad Al Qaeda. Durante la lettura della sentenza i due hanno rivolto frasi offensive contro il giudice. La difesa dei due fondamentalisti aveva chiesto di non condannarli all'ergastolo perché tale scelta li avrebbe fatti considerare dei martiri. La vedova del soldato ucciso aveva inviato oggi invece un toccante messaggio al tribunale: la donna, che era incinta al momento dell'uccisione, ha detto come il figlio crescerà vedendo immagini di suo padre che nessuno dovrebbe vedere. Uno scioccante video dell'assassino con ancora in mano il coltello insanguinato era infatti finito su internet. 

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
27/02/2014 - Perchè? (Andrea Gualtiero)

Una volta questo lemma linguistico era molto di moda. Oggi è sostituito dalla moltitudine di dettagli nomini di informazione, memi e files. Tutto è immediatezza, assenza di pensiero e di giudizio. Un vento di ridondanze degeneri e vane si porta via tutto. La parola ed il pensiero non commentano più nulla. Ognuno crede di avere e ha le conoscenze e le competenze per parlare di ogni cosa. E i "competenti" si scoprono, purtroppo, prestabiliti dalle stesse agenzie del potere che decidono cosa mostrare e cosa non mostrare della Realtà. E' meglio la menzogna di una verità dimezzata! Perché tanti europei si convertono all'Islam? Perchè? A nessuno interessa, dal momento che "sono sufficienti le punizioni esemplari". Ma le punizioni, per quanto drastiche, sono insufficienti. Nessun omicida è sufficientemente condannato, mai. Anche la pena di morte gli concede, infatti, un filo di vita maggiore della vittima. Lo sapevano i governi europei prima delle follie novecentesche. La pena di morte ha un senso civile solo in quanto "esemplare" e pubblica. Altrimenti essa non retribuisce il delitto. L'ergastolo, che è una pena più grande della morte, solo per l'ipocrisia di una civiltà malata si percepisce come accettabile. Infatti risulta comminato mille volte più spesso di quanto sia eseguito. La crudeltà infinita cui si ispira è temperata dal mutare dei tempi. Chissà perché.