BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIRIA/ Quirico: cristiani sempre più stretti tra Al Qaeda e Al Assad

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

E’ ovvio che se le formazioni qaediste vincono non ci sarà più posto per alcuna comunità cristiana in Siria. In questo scenario, l’unica chance di sopravvivenza per i cristiani sarebbe quella di accettare l’apartheid ed essere cittadini di serie B. I cristiani siriani hanno evidentemente interesse a fare sì che le formazioni qaediste non vincano la guerra. Dato che l’unico avversario dei gruppi jihadisti è purtroppo il regime, corrotto e insopportabile, di Bashar al-Assad, i vescovi accettano la teoria del cosiddetto “male minore”.

 

Eppure in questo modo i vescovi non rischiano di indebolire anche l’opposizione laica?

Le sigle che abbiamo visto a Ginevra, e cui noi facciamo finta di credere come rappresentanti dell’opposizione siriana, non significano nulla. I loro leader sono dei signori che vivono a sbafo negli alberghi a cinque stelle dell’Occidente, e che non hanno alcuna possibilità di influenzare le operazioni militari che si svolgono sul terreno siriano.

 

Il governo siriano ha criticato l'America per il fatto di aver creato un clima negativo a Ginevra 2. Che ne pensa?

La conferenza di pace è stata un’enorme sceneggiata costruita per permettere agli americani e agli europei di illudersi che potevano ancora decidere il futuro della Siria. Nella realtà non c’era la benché minima possibilità che da Ginevra uscisse qualcosa di buono, tanto è vero che nessuno ci ha nemmeno provato. In Siria il futuro si decide con i cannoni e i kalashnikov, e l’unica potenza internazionale a essere influente è la Russia. Il segretario dell’Onu Ban-Ki Moon è invece totalmente ininfluente.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
27/02/2014 - Siria (delfini paolo)

Sono d'accordo con i Vescovi siriani, che conoscono meglio di noi l'attuale situazione in quella Nazione.Io spero quindi ardentemente che Assad, pur con tutti suoi difetti, vinca la guerra civile e che sconfigga le milizie islamiste,al qaeda e non.Non è solo una questione di Assad "male minore", la faccenda è molto più seria e complessa.