BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

COREA/ Sì all'incontro tra i familiari di Nord e Sud il prossimo 20 febbraio

La Corea del nord ha acconsentito all'incontro tra familiari del Nord e del Sud, divisi dal confine eretto dopo la guerra del 1950. Ecco cosa significa questo incontro

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Storico annuncio da parte delle due Coree. Dal 20 al 25 febbraio si terranno le giornate di riunificazione familiare, la possibilità cioè per appartenenti alle stesse famiglie ma divise dopo la guerra di incontrarsi per alcune ore. Come si sa, dopo la guerra del 1950 molti cittadini si ritrovarono separati dal confine imposto dall'armistizio con l'impossibilità da parte di quelli della Corea del nord di trasferirsi a sud, mentre quelli del sud ovviamente non pensarono certo di andare a vivere sotto il terribile e sanguinario regime comunista del nord. L'ultima di queste riunioni familiari si tenne nel 2010: nel 2013 una prevista riunione venne cancellata all'ultimo momento dalla Corea del nord per i soliti motivi propagandistici tra cui il fatto che si teneva in quel periodo una operazione militare congiunta tra Corea del sud e Stati Uniti. Esercitazioni che si terranno fra un mese anche quest'anno, ma la Corea del nord sembra questa volta non voler dare peso, vista anche la lettera di invito alla distensione mandata qualche giorno fa dal regime comunista alla Corea del sud. Tornando agli incontri familiari, si dovrebbero tenere in un resort della Corea del nord dal 20 al 25 febbraio. Sono circa 73mila i coreani del sud che hanno parenti ancora viventi al nord. Le condizioni poste da Seul sono state accettate dal Pyongyang: la possibilità che i familiari si scambino del denaro; l'assenza di telecamere o di agenti di sicurezza durante i colloqui; incontri personali più lunghi rispetto al passato.

© Riproduzione Riservata.